Figlie povere di San Giuseppe Calasanzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Figlie Povere di San Giuseppe Calasanzio sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione, dette Calasanziane, pospongono al loro nome la sigla F.P.S.G.C.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Le Calasanziane vennero fondate a Firenze da Maria Anna Donati (1848-1925) sotto la guida di Celestino Zini, superiore provinciale degli scolopi e arcivescovo eletto di Siena: il 24 giugno 1889 la Donati e quattro compagne ricevettero l'abito religioso dalle mani di Zini dando formalmente inizio alla congregazione che ottenne l'approvazione diocesana dal cardinale Agostino Bausa, arcivescovo di Firenze, il 21 settembre 1892.[2]

Il fine delle religiose era l'educazione dei fanciulli, specie dei più poveri, degli abbandonati e dei figli dei carcerati; la loro prima scuola venne inaugurata il 28 dicembre 1889, mentre il 22 giugno 1891 le suore accolsero la prima orfana.[2]

L'istituto ricevette l'approvazione definitiva da papa Pio X il 18 dicembre 1911 e le sue costituzioni vennero approvate da papa Benedetto XV il 28 febbraio 1920.[2]

La fondatrice (in religione madre Celestina della Madre di Dio) è stata beatificata il 30 marzo 2008.[3]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Le Calasanziane si dedicano all'istruzione e all'educazione cristiana della gioventù.

Sono presenti in Italia e Brasile:[4] la sede generalizia è a Firenze.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 99 religiose in 19 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1709.
  2. ^ a b c DIP, vol. III (1976), coll. 1665-1666, voce a cura di E. Astorino.
  3. ^ Riti di beatificazione approvati da papa Benedetto XVI, su vatican.va. URL consultato il 15-7-2009.
  4. ^ Gli indirizzi delle case delle suore calasanziane, su web.tiscali.it. URL consultato il 15-7-2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137835868 · WorldCat Identities (ENviaf-137835868
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo