Fibromatosi plantare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Fibromatosi plantare fasciale
Specialitàreumatologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
MeSHC537000 e D000071380
eMedicine1061903
Sinonimi
malattia di Ledderhose
fibromatosi plantare

La fibromatosi plantare fasciale, nota anche come malattia di Ledderhose e fibromatosi plantare, è un ispessimento patologico, relativamente raro, del tessuto connettivo profondo del piede, o fascia plantare, che può essere rilevato alla palpazione.

Eponimo[modifica | modifica wikitesto]

La malattia prende nome da Georg Ledderhose, il chirurgo tedesco che la descrisse per la prima volta nel 1894.

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

Nella fase iniziale della malattia, quando i noduli o le fibre cominciano a svilupparsi lungo i tendini del piede, la patologia, di lieve gravità, può essere dolorosa. In seguito, però, le fibre si ispessiscono, le dita del piede divengono rigide e doloranti al passo.

Come la maggior parte delle forme di fibromatosi, è solitamente benigna, e il suo decorso molto variabile. I noduli in genere sono a crescita lenta, e si trovano più spesso nella porzione centrale e mediale della fascia plantare. Occasionalmente, i noduli possono rimanere silenti per mesi o anni, per poi crescere improvvisamente.

Una malattia simile è il morbo di Dupuytren, che colpisce l'arto superiore, rendendo difficoltosi i movimenti delle dita.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

È necessaria la rimozione chirurgica solo se il dolore impedisce la deambulazione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina