Felice di Thibiuca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Felice di Thibiuca
Il Martirio di San Felice.jpg
Carlo Maratta, Il Martirio di san Felice. Venosa, Cattedrale
 

Vescovo e martire

 
Nascita246
MorteCartagine, 303
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleVenosa, Cattedrale
Ricorrenza15 luglio
Patrono diVenosa

Felice di Thibiuca (... – Cartagine, 15 giugno 303) è stato vescovo di Thibiuca (o Tubzak, odierna Henchir-Gâssa in Tunisia), martire sotto Diocleziano, venerato come santo dalla Chiesa cattolica e patrono di Venosa.

Agiografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 303, Magniliano, magistrato di Thibiuca, una località vicino Cartagine, eseguendo gli ordini imperiali, fece convocare in tribunale il vescovo Felice, il quale si rifiutò di consegnare alla magistratura civile i Libri sacri. Venne inviato a Cartagine dal proconsole Anulino e dopo alcuni giorni di carcere, al nuovo rifiuto del vescovo, venne condannato alla decapitazione.

Secondo la sua stessa testimonianza raccolta in punto di morte, aveva 56 anni; la sentenza sarebbe stata eseguita il 15 luglio del 303; il suo corpo venne sepolto nella basilica di Fausto, celebre per le tante sepolture di martiri cristiani.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Il Martirologio romano lo riporta alla data del dies natalis, il 15 luglio[1]:

«A Cartagine, nell’odierna Tunisia, sulla via detta degli Scillitani nella basilica di Fausto, deposizione di san Felice, vescovo di Tubzak e martire, che, ricevuto dal procuratore Magniliano l’ordine di dare alle fiamme i libri della Bibbia, rispose che avrebbe bruciato se stesso piuttosto che la Sacra Scrittura e fu per questo trafitto con la spada dal proconsole Anulino.»

(Martirologio Romano)

Alcune reliquie di san Felice giunsero in qualche modo dall'Africa a Venosa; qui si propagò il culto per il coraggioso vescovo martire al punto da far scaturire leggendarie ricostruzioni della sua vita, secondo le quali non avrebbe subito il martirio a Cartagine, bensì a Venosa dove era stato inviato in esilio. È attualmente copatrono di Venosa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In alcuni Martirologi è ricordato il 30 agosto, forse confuso con i santi romani Felice ed Adautto e in altri al 24 ottobre.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]