Federico Andreotti (pittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Federico Andreotti (Firenze, 6 marzo 1847Firenze, 1930) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1861 si iscrisse all'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Enrico Pollastrini e di Stefano Ussi. Si dedicò all'olio, all'acquerello ma anche all'affresco, dipingendo paesaggi, ritratti, figure femminili, scene di genere, scene storiche e nature morte con scenari storici soprattutto seicenteschi e settecenteschi. Nelle sue opere ha miscelato una certa precisione tecnica su territori impressionisti.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lodovico Magugliani, Arte nota e men nota, Milano, 1960, pp. 105-106
  • Agostino Mario Comanducci, Dizionario illustrato dei pittori e incisori italiani moderni, vol. I, Milano, L. Patuzzi, 1962
  • Lodovico Magugliani, Dipinti ed opere d'arte in Collezioni private, Torino, Albra, 1968
  • Elisabetta Matucci e Paola Barbadori Lande (a cura di), I Macchiaioli di Renato Fucini - Gabinetto G. P. Vieusseux, catalogo mostra palazzo Strozzi del 1985, testi critici di Raffaele Monti e Geno Pampaloni, Firenze, Edizioni Pananti, 1985, pp. 23-25, ISBN non esistente.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN96539719 · LCCN: (ENnr96006546 · SBN: IT\ICCU\LO1V\358455 · GND: (DE119478161 · ULAN: (EN500115742