Estensione (filosofia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine estensione viene usato nella logica aristotelica per indicare il numero degli esseri cui fa riferimento un concetto. L'estensione richiama come concetto complementare quello di comprensione. Ambedue i termini poi sono correlativi a quelli di genere e specie.

Il concetto, presenta una sua estensione (comprende tutti gli esseri che presentano la stessa qualità) e "comprensione" (complesso delle qualità riferite al concetto).[1] Per cui ad esempio il concetto di "cavallo" ha molte qualità (grande comprensione ma scarsa estensione: può riferirsi infatti solo ai cavalli) mentre il concetto di "vertebrato" si riferisce a molti esseri, compreso il cavallo, ma è più generico (grande estensione ma poca comprensione). Da qui la legge della logica che afferma che tanto maggiore sarà la comprensione tanto minore sarà l'estensione e viceversa.[2]

Nella scala dei concetti percorsa dall'alto in basso aumenta la comprensione e diminuisce l'estensione sino ad una specie ultima che ha la massima comprensione e la minima estensione: tale è l'individuo o sostanza prima.

La linguistica moderna adotta la coppia di termini estensione/intensione[3] che si ritrova nei Nuovi saggi sull'intelletto umano (1700-1705) di Leibniz che modifica l'espressione estensione-comprensione precedentemente usata nella celebre opera di Antoine Arnauld (1612-1694) e Pierre Nicole (1625-1695) La Logique ou l'art de penser, contenant outres les règles communes, plusieurs observations nouvelles, propres à former le jugement, pubblicata nel 1662.[4] Un'ulteriore modifica fu adottata nella forma denotazione-connotazione, da John Stuart Mill nel suo Sistema di logica deduttiva e induttiva (1843).

Oggi il binomio estensione-intensione è alla base della logica del linguaggio nata dagli studi del logico-matematico Gottlob Frege (1848–1925).[5]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Atteggiamenti proposizionali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enciclopedia Treccani alla voce "comprensione"
  2. ^ Carlo Cantoni, Corso elementare di filosofia, ed. Vallardi, Milano, 1870, p.111
  3. ^ Da non confondere con "intenzione". Qui il termine vuole indicare l'"intensità" delle caratteristiche che possiede un concetto (cfr. Domenico Massaro, Questioni di verità: logica di base per capire e farsi capire, Liguori Editore Srl, 2005, pp.47 e sgg.)
  4. ^ Tr. it La logica o l'arte di pensare, in Grammatica e logica di Port-Royal, a cura di R. Simone, Roma, Ubaldini, 1969
  5. ^ Enciclopedia Treccani alla voce "estensione/intensione"

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Filosofia