Empire Stadium (Vancouver)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Empire Field)
Jump to navigation Jump to search
Empire Stadium
Empire Field
Grey Cup, marching band VPL 82932D (15894817245).jpg
Informazioni
StatoCanada Canada
UbicazioneHastings Park, Vancouver, Columbia Britannica
Inaugurazione1954
Demolizione1993
Ristrutturazione2010-2011
Mat. del terrenoErba naturale (1954-1970)
Turf (1970-1993, 2010-2011)
ProprietarioColumbia Britannica
Uso e beneficiari
Football canadeseBC Lions (1954-1982, 2010-2011)
CalcioVancouver Royals (1967-1968)
Vancouver Whitecaps (1974-1983, 2011)
Capienza
Posti a sedere32375 (Stadium)
27528 (Field)
Mappa di localizzazione

Coordinate: 49°16′57.5″N 123°01′59.6″W / 49.282639°N 123.033222°W49.282639; -123.033222

L'Empire Stadium era uno stadio situato a Vancouver; ospitava le partite casalinghe della squadra di football canadese dei British Columbia Lions e di quella di calcio dei Vancouver Whitecaps. Ha ospitato i quinti Giochi del Commonwealth.

Nello stesso luogo, fra il 2010 e il 2011 durante i lavori di ristrutturazione del BC Place, è stato creato un impianto temporaneo che ha preso il nome di Empire Field.

Empire Stadium[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio venne costruito in occasione dei Giochi del Commonwealth del 1954, ospitati dalla città di Vancouver. Al momento della sua inaugurazione aveva una capienza di 32.375 spettatori.[1] Questa capienza venne lievemente ritoccata al ribasso dopo alcuni lavori nel 1974, portandola a 30.229.[2]

Dopo la sua costruzione divenne l'impianto casalingo dei British Columbia Lions, la squadra di football della città, e vi venne giocata in sette occasioni la Grey Cup, la finale del campionato di football canadese.[2] Lo stadio divenne anche la casa del calcio di Vancouver, qui vi giocarono infatti sia i Vancouver Royals dal 1967 al 1968, sia i Vancouver Whitecaps dal 1974 al 1983.

L'Empire Stadium nel corso della sua storia ospitò anche due grandi concerti: uno di Elvis Presley il 31 agosto 1957 e uno dei Beatles il 22 agosto 1964.[3]

Nel 1970 fu la prima struttura canadese a dotarsi di un manto in erba sintetica.[1] Dopo l'inaugurazione del BC Place lo stadio venne abbandonato sia dai BC Lions che dai Whitecaps, cadendo così in disuso. L'Empire Stadium venne quindi abbattuto nel corso del 1993.[4]

Empire Field[modifica | modifica wikitesto]

L'Empire Field durante una partita dei Whitecaps

I lavori di ristrutturazione del 2010 al BC Place portarono alla necessità di individuare un campo di gioco sostitutivo sia per i BC Lions che per i Whitecaps, freschi di ammissione in MLS; venne così stabilito di creare uno stadio temporaneo sui terreni dell'Hastings Park, nello stesso sito dove precedentemente sorgeva l'Empire Stadium.[5]

La nuova struttura, battezzata Empire Field, ebbe un costo di 14 milioni di dollari canadesi,[4] e venne costruita in soli 111 giorni, consentendo l'inaugurazione il 20 giugno 2010 per una partita dei Lions.[6] La capienza totale del nuovo impianto era di 27.528 posti a sedere.[2]

Alla fine del 2011, una volta ritrasferitesi le due squadre al BC Place, la struttura provvisoria venne smantellata, con la sola eccezione delle torri faro e del prato in erba sintetica. Oggi infatti l'area viene utilizzata come campo di calcio per la comunità locale.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Empire Stadium revived for 2010, miss604.com, 28 dicembre 2009. URL consultato il 15 settembre 2016.
  2. ^ a b c (EN) Empire Stadium in Vancouver, stats.cfldb.ca. URL consultato il 15 settembre 2016.
  3. ^ (EN) Empire Stadium, scottymoore.net. URL consultato il 15 settembre 2016.
  4. ^ a b c (EN) Vancouver's Empire Field reopening slated for fall 2013, vancourier.com, 1º maggio 2012. URL consultato il 15 settembre 2016.
  5. ^ (EN) With temporary stadium, Lions, Whitecaps bank on nostalgia, canada.com, 22 dicembre 2009. URL consultato il 15 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2010).
  6. ^ (EN) Overlay work wraps up Empire Field construction in Vancouver, journalofcommerce.com, 23 giugno 2010. URL consultato il 15 settembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]