Elettro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Moneta della Lidia
BMC 06.jpg
Testa di leone ruggente, sole con raggi sulla fronte. Doppio quadrato incuso
Elettro, 1/3 di statere (4,71 g). Inizio VI secolo a.C.

L'elettro è una lega d'oro e argento che può essere ottenuta artificialmente ma che si rinviene anche in natura specialmente in Asia Minore; anticamente era abbondante nell'Egeo e in alcune zone della Grecia continentale ma nel tempo si è quasi completamente esaurito. Vista la sua ampia disponibilità, fu uno dei primi materiali utilizzati per il conio di monete nel Mediterraneo orientale.

L'elettro era inoltre utilizzato per la produzione di stoviglie in quanto si riteneva che avesse la proprietà di eliminare i veleni da tutto ciò con cui veniva in contatto.

L'utilizzo dell'elettro fu abbandonato a causa di una continua svalutazione delle corrispondenti monete d'oro, il cui valore veniva ridotto abbassandone il titolo mediante l'alligazione con l'argento. L'uso dell'elettro cessò completamente agli inizi del XVI secolo quando in Europa affluì l'oro americano.

Il nome deriva dal colore ambrato, simile a quello dell'ambra (in greco antico ἤλεκτρον, èlektron).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4841049-4