Effetto GZK

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'effetto GZK (o taglio GZK) è stato teorizzato nel 1966 dagli scienziati Kenneth Greisen, Vadim Kuzmin e Georgiy Zatsepin, dalle cui iniziali prende il nome. Stabilisce un limite massimo all'energia dei protoni che viaggiano nell'universo, dovuto alla presenza della radiazione cosmica di fondo[1][2][3]. Quando un protone ad alta energia (circa maggiore di 1020 eV) si scontra con un fotone della radiazione cosmica di fondo con energia ≈ 10-3 eV si ha la produzione di pioni. I due risultati possibili sono:

dove è un fotone della radiazione cosmica di fondo e è il protone ad alta energia. è una particella chiamata barione delta, che può decadere in un protone e un pione neutro o in un neutrone e un pione positivo .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kenneth Greisen, End to the Cosmic-Ray Spectrum?, in Physical Review Letters, vol. 16, nº 17, 25 aprile 1966, pp. 748–750, DOI:10.1103/PhysRevLett.16.748. URL consultato il 14 agosto 2017.
  2. ^ G. T. Zatsepin e V. A. Kuz'min, Upper Limit of the Spectrum of Cosmic Rays, in ZhETF Pisma Redaktsiiu, vol. 4, 1° agosto 1966, pp. 114. URL consultato il 14 agosto 2017.
  3. ^ Multimedia Service, A caccia di raggi cosmici nella Pampa, su asimmetrie.it. URL consultato il 14 agosto 2017.