Drag king

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un gruppo di drag king

Drag king è un'espressione in inglese usata per designare persone, in prevalenza (ma non necessariamente) lesbiche o transgender, che si esibiscono su un palco o in un locale interpretando personaggi maschili famosi o anche solo stereotipi maschili, sottolineandone gli aspetti estetici più virili mediante barbe posticce, abiti tipicamente maschili, "packing". Lo spettacolo generalmente include parti ballate, cantate e parti interpretate.

Il fenomeno, per quanto già presente tra le fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento nelle dance hall inglesi, ha iniziato a guadagnare una prima fama negli anni ottanta grazie al noto videoclip musicale "Turn to you" delle irriverenti Go-go's, (la prima rock band di successo tutta al femminile) per poi svilupparsi negli anni novanta rubando un po' di terreno alle ormai da tempo famose drag queen, cioè uomini che calcano il palco in abiti femminili.

Mentre le drag queen tendono a calcare le scene da soliste, i drag king formano più spesso bands con cui si esibiscono sul palco.

Il termine drag king è spesso usato anche per indicare donne che passano per uomini, temporaneamente o stabilmente, per altre ragioni che quelle di scena. Può essere il caso di donne con sentimenti transgender "FtM" (da femmina a maschio) magari come primo passo verso un cambio di genere, o anche di donne che vogliono provare per un tempo limitato (magari anche solo una serata) a vivere in pubblico il loro lato maschile.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

  • Venus Boyz (Svizzera/Germania/USA, 2001), regia Gabriel Baur, documentario, durata (min.) 104, Produzione Cecchi Gori Home Video, 2004.
  • Mio Sovversivo Amore (Italia, 2009), regia Valentina Pedicini, documentario, durata (min) 45, Produzione ZeLIG

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

LGBT Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT