Discussione:Notre-Dame de Paris (spettacolo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

lo spettacolo {...} per espressa dichiarazione dell'autore delle musiche, non deve essere considerato un musical[modifica wikitesto]

Sarebbe opportuno citare la fonte di questa dichiarazione, in ogni caso in italiano musical - commedia musicale - spettacolo musicale sono considerati sinonimi e su questa definizione ricadono gli spettacoli musicali teatrali, tra cui anche questo. Anche "Jesus Christ Superstar" non viene chiamato musical dagli autori, ma "opera rock" pero' comunemente si indica come musical. Se questa opera non e' un musical sarebbe il caso di spiegare in quale misura ne differisce. Considerazioni come "in effetti non lo e'" dovrebbero essere argomentate. --Grizel (msg) 16:37, 23 apr 2008 (CEST)


Discutiamone altrove[modifica wikitesto]

Ho ampliato la pagina e ho modificato l' incipit, che precedentemente era più che altro un' argomentazione su ciò che distingue un' opera poplare da un musical, argomento che ritengo del tutto secondario nell' insieme degli elementi che caratterizzano uno spettacolo.

Se tuttavia qualcuno sentisse il bisogno impellente di affrontare l' argomento esiste una pagina sull' Opera Popolare dove sfogarsi, possibilmente ARGOMENTANDO le proprie opinioni, oppure proponendole nell' apposita pagina di discussione.

PS. Per l' Anonimo relatore: Sei forse lo stesso anonimo che da qualche tempo interviene in numerose altri voci sui musical? (se è così hai dato alcuni contributi interessanti). Sarebbe opportuno che ti iscrivessi a Wikipedia, in modo da avere un indirizzo utente fisso a cui poterti scrivere per discutere o comunicare. --Lord of The Trapdoors (msg) 19:45, 31 mag 2008 (CEST)

Potreste fare un sunto della trama?[modifica wikitesto]

Oppure è uguale al 100% al romanzo di Hugo? KTHXBAI Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 151.47.18.224 (discussioni · contributi) 18:55, 27 nov 2009.

Alcune cose vengono omesse. Si tratta, più che altro, di roba da poco, e, probabilmente, dovute più al gusto dell'epoca in cui è uscito il romanzo che allo spirito che voleva infondergli l'autore. Per esempio c'è SPOILER SPOILER SPOILER il fatto che Esmeralda non fosse gitana di nascita, ma fosse stata rapita dagli zingari, la quale l'avevano sostituita, all'atto del rapimento, con un bambino deforme (Quasimodo), poi abbandonato sulla piazza e adottato da un prete. Tale prete (Frollo, per chi non avesse capito) aveva inoltre un fratello, assente nell'opera cocciantiana, che non faceva un cazzo dalla mattina alla sera, tranne fare bisboccia con gli amici spendendo i soldi del fratello. Alla fine, questo signore si dà alla malavita; lo scopriamo quando vengono descritti i preparativi per l'attacco a Notre-Dame, ma, quella notte, prepararsi sarà l'ultima cosa che farà, perché diserterà i compagni lungo la strada, salvandosi la vita. Piccola curiosità: questo personaggio andrà a fare la parte di Frollo, nelle sue vicende con Esmeralda, in un adattamento per il cinema muto (in quanto, Disney insegna, un prete NON POTEVA innamorarsi in quel modo). SPOILER SPOILER SPOILER Non dovrebbe esserci altro. Come vedete, si tratta perlopiù di roba che riflette lo spirito del tempo (es: Esmeralda che non poteva mica essere una zingara buona... meglio una semi-zingara). Si potrebbe scrivere un paragrafo "Differenze e omissioni rispetto al romanzo", se proprio ne sentite il bisogno. Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 151.76.202.206 (discussioni · contributi) 00:21, 26 feb 2010.

Direi che le differenze sono dovute al fatto che lo spettacolo è TRATTO dal romanzo, ma nasce come progetto a sé, anzi con delle proprie tematiche di interesse contemporaneo. Il tema dell'immigrazione e dei conflitti sociali è fortissimo, ad esempio. Certo, i personaggi presenti nel libro (nel totale una marea) non potevano rientrare mai tutti in uno spettacolo del genere (dove sono SEI, e non per motivi di tempo o di spazio, direi), ma parlare di "omissioni" non mi sembra appropriato.
Accennare alla trama significherebbe affrontare i temi dell'opera, cercandone delle fonti adeguate. L'idea non è male, ma l'idea di partenza credo dovrebbe essere questa.
PS(SPOILER) - A onor del vero, mi trovo a dover fare una correzione riguardante l'accenno al fratello di Frollo nel romanzo: di nome fa Jehan e sì, si unisce alla "malavita" e sì, si mette in marcia per l'assalto a Notre-Dame, ma il personaggio che si defila all'ultimo e si salva è Gringoire. Purtroppo per lui Jehan partecipa alla battaglia...
--Kris Kelvin (msg) 14:00, 24 ago 2013 (CEST)

Nome della pagina[modifica wikitesto]

Ho spostato la pagina da Notre Dame De Paris (commedia musicale) a Notre Dame De Paris (opera popolare). Lo spettacolo non è una commedia musicale (genere ben definito, con origine e tratti caratteristici ben diversi). Ho utilizzato il termine opera popolare in quanto così definito dall'autore. Ho classificato lo spettacolo anche come musical (inteso come genere più ampio includente i vari sottogeneri opera popolare, commedia musicale, ecc...) Questo commento senza la firma utente è stato inserito da Lord of The Trapdoors (discussioni · contributi) 17:43, 28 nov 2009.

Le definizioni in una enciclopedia devono essere basate su convenzioni ampiamente diffuse, accettate e neutrali. La definizione di opera popolare è controversa e poco diffusa, pertanto non va utilizzato nel titolo. --MarcoK (msg) 09:33, 31 dic 2009 (CET)
Ma allora usate almeno la definizione PIÙ VICINA a quella giusta. Va bene, la definizione giusta sarebbe "Opera Popolare" ma la gente ha la testa troppo dura per capirlo. Almeno non usate la definizione "musical", quando tutto il mondo lo sa che "Notre-Dame" prende seccamente le distanze da quel genere. La definizione che include "i vari sottogeneri" non è AFFATTO "musical" ma, se proprio, "spettacolo musicale". Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 151.76.202.6 (discussioni · contributi) 15:24, 24 feb 2010.
Ok anche a "spettacolo musicale", basta che si tratti di espressioni diffuse e non ideate ad hoc. Al riguardo sarebbe preferibile la citazione di fonti a supporto (critiche e indipendenti) della definizione e della differenza con il musical. --MarcoK (msg) 18:16, 24 feb 2010 (CET)
Il termine "spettacolo musicale" sembra essere quello più neutro e meno incline a scatenare dibattiti.
Tuttavia trovo che musical sia più appropriato in quanto meno vago (spettacolo musicale è anche un'opera, un balletto ed un oratorio) e generalmente accettato. Viene infatti utilizzato in tutte le pagine wiki di altre lingue (tranne in francese, lingua in cui il termine stesso non trova uso).
Il musical di fatto include spettacoli di molti generi diversi (The Phantom of the opera, My Fair lady e Jesus Christ Superstar presentano tra loro differenze superiori a quelle tra ognuno di essi e Notre Dame De paris)
Il termine Opera Popolare è tipicamente italiano, meno "ufficiale" e spesso oggetto di discussione (vedi voce). Ma potrebbe comunque essere accettabile in quanto espressamente indicato dall'autore (così come Opera comique, operetta, singspiel, zarzuelas spesso presentano caratteri intermedi, ma vengono frequentemente definite in un modo o in un altro non sulla base di differenze oggettive ma secondo la dicitura scelta dall'autore)--Lord of The Trapdoors (msg) 15:01, 25 feb 2010 (CET)
Bhé, è meglio sbagliare e essere precisi o restare nel vago e essere corretti? Personalmente, tra i due termini, preferisco "spettacolo musicale". "Musical", per quanto accettato in altre Wikipedia, resta sbagliato, quantomeno per la realtà distante dal musical dove è nato "Notre-Dame", quella francese e italiana (per una parte della formazione di Cocciante). Le radici si trovano nello Spetacle Musical, nell'Opera Rock francese e nella canzone italiana d'autore. "Musical" viene usato per qualsiasi cosa non sia un'opera lirica, ma a torto! Detto questo (sempre partendo dal presupposto che IO preferirei comunque la definizione "opera popolare". ), non ho voglia di mettermi a cambiare Wikipedia, che, su queste cose, non è nuova a certe inesattezze; solo... limitiamoci magari all'imprecisione, a restare sul vago, senza cadere per forza nell'errore irreparabile. Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 151.76.202.206 (discussioni · contributi) 00:31, 26 feb 2010.

See, vabbè... è sparito pure quell'"un'opera popolare secondo la definizione degli autori". Vedere Wikipedia che dice scemenze in nome del politicamente corretto ormai è uno spettacolo tipico, come il cambio della guardia. Sete proprio de coccio, refrattari a qualsiasi argomentazione, ma chissene. Io m'alzo e me vado a lava' le mani. Come quando Pilato si lavo' le mani di fronte a... www.youtube.com/watch?v=9XNRpidZeLkQuesto commento senza la firma utente è stato inserito da 151.55.153.19 (discussioni · contributi) 16:28, 20 lug 2013.


Vedo che una discussione in merito alla definizione dello spettacolo già esiste, ma è caduta in un nulla di fatto...
È noto da sempre che gli autori hanno voluto definire lo spettacolo "Opera popolare". Così è definito sul sito ufficiale e così pure viene ribadito in altre sedi. Ciò ad indicare, in primis, la sua appartenenza alla tradizione operistica (anche se in chiave contemporanea), prendendo al contempo, dichiaratamente, le distanze dal genere del "Musical".
Riconosco tuttavia che, perché una terminologia sia riconosciuta al 100% corretta all’interno dell’Enciclopedia, essa debba quantomeno venir menzionata negli studi specialistici dell’ambito in questione. Una definizione “tecnica” o “accademica” è più importante di qualunque "convenzione".
Sarebbe quindi d’aiuto, ai fini della discussione, che qualcuno trovasse l’adozione di "Opera popolare" anche in manuali o saggi di Storia della musica, Storia dello spettacolo o simili, sufficientemente recenti (anni 2000).
Detto questo, finché non si ha un parere unanime su tale definizione, sono favorevole anch’io all’utilizzo di "Spettacolo musicale" come termine generale e sufficientemente corretto.
Una terza possibilità potrebbe essere la definizione "Opera moderna", adottata come sottotitolo descrittivo allo spettacolo (che si ispira moltissimo allo stile di NDDP) "I promessi sposi". Inoltre è anch'essa una definizione accettata dagli autori.
"Commedia musicale" non lo considererei neanch’io: è un termine francese che in italiano, com’è stato già fatto notare, ha un’accezione differente, che non corrisponde a "Notre Dame de Paris".
"Musical" definisce un genere che, anche se diviso in numerosi sottogeneri (o generi-figli) è differente dall’"Opera". Solo per fare un esempio: nel "Musical" c’è alternanza tra cantato e recitato; in NDDP di recitato non ce n’è traccia.
Pretendere di utilizzare "Musical" come termine generale o "standard" mi sembra un errore dettato da superficialità eccessiva (motivo per cui certi cambiamenti alla voce dovrebbero avvenire unicamente previa adeguata discussione nell’apposita pagina).
--Kris Kelvin (msg) 23:01, 25 ago 2013 (CEST)

Facendo io una rapida ricerca enciclopedica, ho trovato che Pierguido Asinari, in Riccardo Cocciante 1971-2007. Dalla forma-canzone al melodramma (Editori Riuniti, Roma, 2007), parla dello spettacolo come di un "Melodramma contemporaneo", motivando: "melodramma" perché appartenente alla tradizione operistica e, nello specifico, somigliante al melodramma; “contemporaneo” perché sarebbe più corretto del generico "moderno".
Direi che si potrebbe aprire una sezione della voce sul dibattito per la definizione, ma ciò richiede anzitutto la scelta di una classificazione generale e corretta, sotto la quale possano trovarsi tutti i termini proposti dalle varie parti.
Per il momento propongo di riportare la voce alla definizione "Spettacolo musicale", quindi di aprire una sezione contenente il discorso teorico riguardante la distanza dal "Musical" e i diversi tentativi di definizione. Qualora si dovesse arrivare ad una terminologia accademica più consolidata, si seguirà quella.
--Kris Kelvin (msg) 19:17, 2 set 2013 (CEST)

Concordo con te. Non è una questione, come si dice sopra, di politically correct. Se prenderà piede, negli studi di settore, tale definizione, ben venga. Al momento no, non ne parla nessuno, neanche dell'opera. Concordo sullo "Spettacolo musicale" come definizione. Altrimenti, anche un semplice "spettacolo" sarà sufficiente per non offendere nessuno. Magari seguito dall'anno di realizzazione in caso di omonimia, cosa che ho visto utilizzare nel progetto cinema e arte per opere omonime. --Mau db (msg) 19:40, 5 set 2013 (CEST)
Pure io credo che sarebbe andato bene anche solo "Notre-Dame de Paris (spettacolo)", come anche "Notre-Dame de Paris (spettacolo 1998)". Ma dato che nella discussione si era parlato di "Spettacolo musicale" opterei per questo. Forse, alla lunga, solo "Spettacolo" potrebbe risultare troppo generico (...o mi faccio troppi problemi..?). Vada per "Notre-Dame de Paris (spettacolo musicale)" !
--Kris Kelvin (msg) 08:32, 6 set 2013 (CEST)
✔Fatto, spostato la pagina a "Notre-Dame de Paris (spettacolo musicale)"
--Kris Kelvin (msg) 11:57, 6 set 2013 (CEST)
Grazie. --Mau db (msg) 09:41, 7 set 2013 (CEST)

Vandalizzazione[modifica wikitesto]

Si continua a vandalizzare la pagina cancellando i cast dello spettacolo. Sempre da parte di 2 utenti anonimi:

--Delehaye (msg) 11:57, 23 apr 2016 (CEST)

Nuova vandalizzazione da utente anonimo:

--Delehaye (msg) 11:47, 26 apr 2016 (CEST)

Ancora una vandalizzazione da utente anonimo:

--Delehaye (msg) 21:34, 30 apr 2016 (CEST)