Dignaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dignāga (Dinnāga, 440 circa – 520 circa) è stato un filosofo indiano di religione buddista, vissuto a cavallo fra il VI e il VII secolo, riformatore e fondatore della nuova logica (Hetuvidyā) buddista. Viene considerato il padre della Nyāya (giusta ragione) del medioevo indiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era nato in una famiglia di bramini a Simhavakta vicino Kanchi (Kanchipuram), e poco si sa dei suoi primi anni, ma fu maestro Nagadatta nella scuola di Vatsiputriya. Dopo essersi convertito al Mahayana divenne discepolo del grande maestro Vasubandhu. Dotato di grande eloquenza, sconfisse avversari di molte altre scuole.

Egli creò la teoria delle tre parti della coscienza (Vijnana): la parte della visione, quella dell'aspetto e quella dell'auto-giustificazione.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Tra le sue opere si possono citare:

  • Hetucakra (La ruota della ragione logica), considerato il suo primo testo di logica formale che introduce il concetto di vyāpti che, nella filosofia occidentale, può essere più o meno collegato al concetto di coinvolgimento.
  • Ālambana-parīkṣā (Studio delle cause)
  • Pramāṇa-samuccaya (Compendio sulla conoscenza valida)

Controllo di autorità VIAF: 42635892 LCCN: n84037291


Link[modifica | modifica sorgente]