Dies religiosus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il dies religiosus era una tipologia di giorno non ufficiale nel calendario romano.

Nei dies religiosi la superstizione sconsigliava qualsiasi attività di tipo sacro o profano, in quanto considerate giornate maledette dalla sfortuna. Questa connotazione non comportava divieti severi come quelli vigenti nei giorni nefasti, ma solo un avvertimento da seguire a discrezione del cittadino.

L'origine di questa credenza derivava dalla coincidenza di sventure occorse nella stessa data. Un esempio ne era il 18 luglio: nel 477 a.C. era avvenuta una strage per la gens Fabia presso il fiume Cremera, nel 390 a.C. l'esercito romano aveva subito una sconfitta presso il fiume Allia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Gianna Pieraccini, Calendario e religione arcaica nei Fasti di Ovidio[collegamento interrotto]. Riportato il 9 dicembre 2010.