Decidua basale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Decidua basale
Gray33.png
Mucosa uterina durante la gravidanza (B) e non (A)
Anatomia del Gray (EN) Pagina 59
Identificatori
MeSH A16.759.289

La decidua basale si forma sotto l'influenza del progesterone e forma cellule altamente differenziate.

E' il risultato dell'accrescimento e della proliferazione delle cellule dello strato funzionale dell'endometrio durante la gravidanza.

L'accrescimento avviene in seguito alla secrezione di HCG da parte del sinciziotrofoblasto. Le cellule diventano voluminose e assumono una caratteristica forma poliedrica. La decidua assieme al trofoblasto costituirà la futura placenta.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La porzione di decidua che interagisce con il trofoblasto è la decidua basalis (chiamato anche decidua placentalis), mentre la decidua capsularis cresce sopra l'embrione sul lato luminare, racchiudendolo nell'endometrio.

Il resto della decidua è definita decidua parietalis o decidua vera, e si fonderà con la decidua capsularis entro il quarto mese di gestazione.

Si possono quindi descrivere tre strati morfologicamente distinti del decidua basalis:

  • Strato esterno compatto (stratum compactum)
  • Strato intermedio (stratum spongiosum)
  • Strato di confine adiacente al miometrio (strato basale)

All'interno della decidua, depositi fibrinoidi occasionali si formano dove la sinciciotirofoblast è danneggiata. La regione di deposizione fibrinoide in cui i trofoblasti incontrano la porzione compatta del decidua basalis è chiamata strato di Rohr, mentre i depositi fibrinoidi che si verificano tra lo strato compatto e spugnoso del decidua basalis sono chiamati lo strato di Nitabuch. Questo strato è assente nella placenta accreta.

Il decidua ha un aspetto istologicamente distinto, mostrando grandi cellule decidue poligonali nello stroma. Queste sono cellule stromali endometriali allargate, che somigliano all'epitelio (e sono chiamate "epitelioide").

La decidualizzazione include il processo di differenziazione dei fibroblasti stromali a forma di mandrino nelle cellule decidue secretose pluviali che creano una matrice extracellulare pericellulare ricca di fibronectina e laminina (simile alle cellule epiteliali).

La vascolarizzazione, così come la permeabilità vascolare, è migliorata nell'endometrio decidualizzante.

La sua popolazione leucocitaria è distinta, con la presenza di grandi leucociti granulari endometriali, mentre i leucociti polinucleari e cellule B sono numericamente scarse.

I grandi linfociti granulari (CD56 luminosi) sono chiamati "cellule NK uterine" o "cellule uNK" nei topi, e "cellule NK decidue" o "cellule dNK" negli esseri umani.

Ruolo[modifica | modifica wikitesto]

Come l'interfaccia materna all'embrione, la decidua partecipa agli scambi di nutrizione, gas e rifiuti con la gestazione. Protegge anche la gravidanza dal sistema immunitario materno. Inoltre, la decidua deve consentire un'invasione molto controllata del trofoblasto.

Nei disturbi placentari invasivi come la placenta accreta,la decidualizzazione è stata trovata costantemente carente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina