Dammuso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dammuso a Modica

Con il termine dammuso (mutato dal siciliano dammusu che vuol dire "volta" o "intradosso") si indicano due strutture architettoniche tipicamente siciliane: la casa storica dei Monti Iblei costituita da una grotta naturale ampliata nei secoli e la casa tradizionale dell'isola di Pantelleria.

Dammuso dei monti Iblei[modifica | modifica wikitesto]

Il carsismo tipico di questa parte degli Iblei ha creato tutto un sistema di aggrottati che hanno favorito la creazione di piccoli villaggi delle popolazioni preistoriche. Le antiche popolazioni sicule si erano stabilite nel territorio ibleo già nell'VIII secolo a.C. scavando nuove grotte accanto a quelle naturali.

Durante i secoli tali grotte sono state adibite dapprima a tombe, e poi di nuovo ad abitazioni. Con la dominazione araba le grotte sono state ampliate prima con delle costruzioni in legno e poi con delle definitive case in muratura a secco. Modica ne è un tipico esempio in quanto questi aggrottamenti rappresentano il primo insediamento: le piccole abitazioni della parte storica della città conservano a tutt'oggi questa importante testimonianza del passato. Nella zona di Palazzolo Acreide, Buscemi, Buccheri, Ferla e Cassaro i dammusi sono diffusissimi e, se non costruiti sfruttando grotte esistenti, sono anche realizzati con archi a tutto sesto in pietra calcarea, a "foderare" la grotta o ad ampliarne la parte coperta.

Dammuso di Pantelleria[modifica | modifica wikitesto]

Dammusi a Pantelleria

Il tipico dammuso dell'isola di Pantelleria è di origini incerte, ma probabilmente remote. Gli esemplari più semplici sono costruzioni in pietra lavica locale, murata a secco con duplice paramento di pietre sbozzate a spacco e mura di notevole spessore. La pianta è generalmente quadrangolare ed è sormontata da una copertura a cupola o più raramente a botte, imbiancata a calce e usata per la raccolta delle acque piovane che alimentano le cisterne. Caratteristici elementi di arredo architettonico del dammuso pantesco sono la casena (nicchia nelle pareti), la ducchena (banchina in pietra addossata alle pareti), la pinnata (tettoia con travature in legno e copertura di canne) e il passiaturi (sorta di corridoio scoperto per il collegamento di ambienti diversi).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bonasera F., La dimora rurale nelle isole pertinenti alla Sicilia occidentale, in Valussi G. (a cura di), La casa rurale nella Sicilia occidentale, Olschki, Firenze, 1968, pp. 167-182
  • Rizza S., U ddammusu nasce latino, greco o arabo?, in 'Prospettive/Siracusa',1991/1, pp. 12-14, e online @ http://digilander.libero.it/sicilia.cultura/dammusu.pdf

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]