Custode Marcucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Custode Marcucci (Lugo, 20 agosto 1864Sant'Agata sul Santerno, 3 dicembre 1951) è stato un liutaio italiano.

Nato da famiglia colonica, fino a quindici anni lavorò la terra assieme ai genitori, i quali nel 1880 si diedero ad altro mestiere. In tale circostanza si dedicò ad una prima lavorazione del legno facendo il bottaio e costruendo gambe di legno fornite di un meccanismo ingegnoso per i mutilati. A diciannove anni abbracciò la liuteria specializzandosi nella costruzione di violoncelli e contrabbassi, dando vita alla "Premiata fabbrica di istrumenti ad arco - S.Agata sul Santerno" e raggiungendo livelli di altissima qualità senza aver mai studiato presso liutista di sorta. Si dice fosse in grado di produrre strumenti perfetti da materiale apparentemente scadente. Morì nel 1951; la sua tomba è nel cimitero di Sant'Agata sul Santerno.

Era un uomo umile, un po' schivo e timido; parlava a bassa voce e proprio per questo fu soprannominato Urlon, "strillone" in romagnolo. Anche i suoi strumenti sono denominati "Urlon" per la loro potenza acustica[1]

Un suo contrabbasso è posseduto da Giuseppe Ettorre, Primo Contrabbasso del Teatro alla Scala di Milano. [2]

All'interno del Municipio di Sant'Agata sul Santerno è presente una lapide commemorativa che recita "Per memoria di Custode Marcucci, liutaio di chiara fama, uomo di profonda umiltà; pose l'Amministrazione comunale, 3 dicembre 1952". Nel 2017 Sant'Agata sul Santerno ha reso omaggio a Marcucci con una serie di murales realizzati in via Mazzini dall'artista di strada Riccardo Buonafede. Nel 2019 è stato posto un pannello informativo su Marcucci in via San Vitale (ad angolo con via Roma), accanto al luogo dove sorgeva la bottega del liutaio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Armanda Capucci, Le radici on-line e il geniale tocco di "Urlòn", in «Giornale di massa», aprile 2018, pag. 11.
  2. ^ Come il musicista stesso ha dichiarato in più occasioni: Sant’Agata, un contrabbasso di Custode Marcucci alla Scala, su ravenna24ore.it. URL consultato il 21 aprile 2018.