Cupido (Piero della Francesca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cupido
Piero, arezzo, cupido.jpg
Autore Piero della Francesca
Data 1452-1466
Tecnica affresco
Dimensioni ?×70 cm
Ubicazione basilica di San Francesco, Arezzo

Il Cupido è un affresco di corredo (70 cm alla base) delle Storie della Vera Croce di Piero della Francesca e aiuti, nella cappella maggiore della basilica di San Francesco ad Arezzo, databile al 1452-1466. Si trova sul lato interno del pilastro sinistro, al di sotto dell'imposta dell'arcone della cappella.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Cupido, figura tipica dell'arte romana, viene posto nel ciclo cristiano come la divinità bendata e nuda che sta riponendo la sua freccia nella faretra ed ha l'arco appoggiato al fianco, perché la sua funzione è terminata, per la venuta del dio cristiano dell'amore. Gli antichi, in questo senso, nonostante la loro saggezza appaiono quindi ciechi.

La figura è posta su uno sfondo neutro che imita il marmo verde e che si ritrova in altri soggetti dei pilastri, oltre che nel San Giuliano del Museo Civico di Sansepolcro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Birgit Laskowski, Piero della Francesca, collana Maestri dell'arte italiana, Gribaudo, Milano 2007. ISBN 978-3-8331-3757-0

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]