Consiglio dei Settanta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Consiglio dei Settanta fu un organo politico straordinario della Repubblica di Firenze creato l'8 aprile 1480 da Lorenzo il Magnifico con il compito di sostituire i normali organi repubblicani nel momento di crisi politica successiva alla Congiura dei Pazzi[1]. Il Consiglio venne formato da fedelissimi della famiglia Medici e diminuì l'autorità dei Priori e del Gonfaloniere di giustizia, stringendo ulteriormente il controllo del Magnifico su Firenze.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cloulas, pp. 220-222

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]