Concilio di Tours (567)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il concilio tenutosi nel 567 fu il secondo sinodo della Chiesa Franca che ebbe sede nella città di Tours; fu celebrato il 18 novembre nella basilica di San Martino.

Il concilio approvò 27 canoni. Tra questi, decretò che ogni chierico trovato a letto con sua moglie sarebbe stato scomunicato per un anno e ridotto allo stato laicale[1], e che due monaci non potevano dormire nello stesso letto.

I canoni furono sottoscritti da nove vescovi: Eufronio di Tours, Pretestato di Rouen, Germano di Parigi, Felice di Nantes, Caletrico di Chartres, Domiziano di Angers, Vittorio di Rennes, Domnolo di Le Mans e Leudobaldo di Séez.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Testo in inglese della norma contenuta nel canone
  2. ^ Mansi, Sacrorum Conciliorum nova et amplissima collectio, IX, col. 805.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]