Commerce (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Commerce è stata una rivista letteraria fondata nel 1924 da Paul Valéry, Léon-Paul Fargue e Valery Larbaud. Diretta da Marguerite Caetani, pubblicò ventinove numeri tra il 1924 e il 1932. Nel primo numero apparvero i primi estratti della traduzione francese dell'Ulisse di Joyce. La rivista si presentò come "una sorta di laboratorio di scrittori, poco interessati ad accattivarsi le simpatie del pubblico, e propensi piuttosto a far parlare la letteratura attraverso i testi: sono assenti infatti sia dichiarazioni di poetica che manifesti preliminari"[1]. Tra gli autori che scrissero (o tradussero[2]) sulla rivista si segnalano André Gide, André Breton, Thomas Stearns Eliot, Rainer Maria Rilke, José Ortega y Gasset, Hugo von Hofmannsthal, Giuseppe Ungaretti, Dmitrij Petrovič Svjatopolk-Mirskij[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eleonora Conti, Ungaretti, mediatore culturale di "Commerce", "Intersezioni", 1/2002, pp. 89-108
  2. ^ "Tutti traducevano tutti: Eliot era tradotto da Perse, Lorca da Supervielle, Poe da Valéry, Barilli, Bacchelli, Cecchi da Larbaud, Cardarelli da Joseph Baruzi, Leopardi da Crémieux" (Daria Galateria, Entre nous: incontri di scrittori italiani e francesi del Novecento, Palermo, Sellerio, 2002)
  3. ^ Michail Efimov, La dimensione russa di «Commerce»: il principe D. Svjatopolk-Mirskij e E. Izvol’skaja, "Enthymema" XIII (2015), pp. 247-54

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sophie Levie, La rivista « Commerce » e il ruolo di Marguerite Caetani nella letteratura europea, 1924-1932, Rome, Fondazione Camillo Caetani, 1985
  • La rivista Commerce e Marguerite Caetani, direzione di Sophie Levie, 5 voll., Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2012-2016
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura