Collezione Pigozzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
CAACart Collezione Jean Pigozzi
Ubicazione
StatoSvizzera Svizzera
LocalitàGinevra
Caratteristiche
TipoArte, arte contemporanea africana
Istituzione1990
FondatoriJean Pigozzi in collaborazione con André Magnin
Apertura1989
Sito web

The Contemporary African Art Collection (C.A.A.C. conosciuta anche come Collezione Pigozzi) è una collezione privata di arte contemporanea africana con sede a Ginevra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La collezione Pigozzi nasce dall'incontro del 1989 di Jean Pigozzi con André Magnin durante l'esposizione Magiciens de la Terre. A partire dal 1991 la collezione viene presentata all'interno di numerose esposizioni.

  • Africa Hoy /Africa Now presentata al Centro Atlantico de Arte Moderno, Las Palmas de Gran Canaria, al Groningen Museum di Groninga nei Paesi Bassi e al Centro Cultural de Arte Contemporaneo di Città del Messico, 1991-1992.[1]
  • The Jean Pigozzi Contemporary African Art Collection at the Saachi Collection, The Saatchi Gallery, London, 1992.
  • Out of Africa, Saatchi Gallery, London, 1993.
  • Big City: Artists from Africa, Serpentine Gallery, Londra, 1995 (esposizione organizzata all'interno dell'evento Africa95).[2].
  • 100% Africa, The Guggenheim Museum Bilbao, 2006-2007.[3].
  • Why Africa? La Collezione Pigozzi, Pinacoteca del Lingotto, Torino, 2007-2008[4].

Artisti[modifica | modifica wikitesto]

Andreé Magnin è il responsabile della collezione Pigozzi e dal 1989 si occupa delle acquisizioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Africa Hoy /Africa Now: Jean Pigozzi Collection, catalogo della mostra, (dir.) André Magnin, Centro Atlantico de Arte Moderno, Las Palmas de Gran Canaria (17/09-17/11/1991), Groningen Museum, Groningen, Paesi Bassi (07/12-09/02/1992), Centro Cultural de Arte Contemporaneo, Mexico City (20/02-07/06/1992).
  2. ^ Big City: Artists from Africa, catalogo della mostra, (dir.) Jean Pigozzi e Julia Peyton-Jones (20/09-05/12/1995).
  3. ^ 100% Africa, catalogo della mostra, (dir.) André Magnin, The Guggenheim Museum Bilbao, Spagna (10/2006-02/2007).
  4. ^ Why Africa? La Collezione Pigozzi, catalogo della mostra, (dir.) André Magnin, Fondazione Pinacoteca del Lingotto Giovanni e Marella Agnelli, Mondadori Electa, Milano, 2007 (Pinacoteca del Lingotto, Torino, 06/10/2007-03/02/2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La grande vérité, les astres africains, (dir.) Henry-Claude Cousseau, André Magnin, Jonas Storsve, Musée des Beaux-Arts de Nantes, Nantes, 1993 (25/06-25/09/1993)
  • Contemporary African Art from the Jean Pigozzi Collection, Sotheby's, London, 24/06/1999
  • Art populaire, (dir.) Hervé Chandès avec Hélène Kelmachter e André Magnin, Fondation Cartier pour l'art, Paris, 2001 (21/06-04/11/2001)
  • André Magnin et Jacques Soulillou, Contemporary Art of Africa, Thames and Hudson, New York-London, 1996
  • Christophe Domino e André Magnin, L'art africain contemporain, Editions Scala, Paris, 2005
  • Giovanna Trento, La collezione Jean Pigozzi e il caso Seydou Keita in "Africa e Mediterraneo", dossier Sulla storia dell'arte africana contemporanea, (dir.) Iolanda Pensa et Sandra Federici, n. 55, 01/2006, p. 25-30.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN128309906 · LCCN (ENnr2005015293 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2005015293
Arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte