Cognento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cognento
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Modena-Stemma.png Modena
Comune Modena-Stemma.png Modena
Territorio
Coordinate 44°38′04″N 10°52′16″E / 44.634444°N 10.871111°E44.634444; 10.871111 (Cognento)Coordinate: 44°38′04″N 10°52′16″E / 44.634444°N 10.871111°E44.634444; 10.871111 (Cognento)
Altitudine 45 m s.l.m.
Abitanti 3 000 (2014)
Altre informazioni
Cod. postale 41126
Prefisso 059
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti cognentesi o modenesi o geminiani
Patrono SS. Nabore e Felice
Giorno festivo 31 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cognento
Cognento

Cognento (Cugnìnt in dialetto modenese) è una frazione di Modena, città situata nella regione dell'Emilia-Romagna. Si presenta come una delle più piccole frazioni della città, ed è in pratica ormai considerata un quartiere di essa. È attraversata da Autostrada del Sole e tangenziale di Modena.
Con la costruzione recente di un nuovo quartiere intorno a Via Guareschi, la popolazione si è portata, tra il 2005 e il 2014, a 3.000 abitanti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cognento fu fondata probabilmente dai Romani insediatisi a Modena nel 192 a.C. In quest'anno infatti il popolo romano estese accampamenti e centri agricoli in tutta la zona dell'attuale Cognento, poiché situata vicino alla via Emilia e perché si trovava in una posizione alquanto elevata, cosicché i nuovi coloni si potessero difendere da eventuali attacchi di Galli o altri popoli non romani. Furono dunque trovati rispettivamente nel 1828 e nel 1900 una testa del dio Apollo in macigno grigio e un cippo funerario. Il suo sviluppo completo risale invece agli inizi dell'VIII secolo, circa cinque secoli prima che gli Este prendessero il potere della città di Modena. Fu ampliata nei primi anni di questo secolo per un grave motivo che in quei tempi assillava Modena, ovvero il problema delle inondazioni e delle infezioni trasmesse dalle paludi circostanti la città. Il suo miglioramento servì dunque come trasferimento dei Modenesi dalla città pericolosa per le scarsissime condizioni igieniche e sanitarie ad una zona distante da questa, in cui si potesse condurre la vita in modo salutare. Pare infatti che l'etimologia del nome di questa frazione derivi dal participio latino cogens, -entis, ovvero "che raccoglie": il significato di Cognento sarebbe dunque, tradotto liberamente, il luogo che accoglie la gente. Al giorno d'oggi molte zone di questa frazione, si rivelano essere state abbattute da tempi anche recenti per fare spazio ad edifici e/o quartieri nuovi; se infatti è possibile notarlo, quasi tutti quelli che una volta erano ruderi e/o fattorie, ora o sono in fase di completa restaurazione o di essi sono rimasti solo gli ingressi a quelli che una volta erano viali, che adesso fronteggiano campi non coltivati. Non è tanto semplice, quindi, trovare ora fattorie e/o case antiche abitate, se non ai confini estremi della frazione, come ad esempio verso la fine di Via Jacopo da Porto Sud.

Il tempietto dedicato a S. Geminiano

Edifici religiosi[modifica | modifica wikitesto]

Cognento ospita al suo interno la chiesa in onore dei santi Nabore e Felice ed il santuario dedicato al patrono modenese San Geminiano, costruito nel punto in cui sgorga la fonte miracolosa[1]. Accanto ad essi, vi si trovano un parco giochi per bambini ed una piccola vallata punteggiata da alcuni salici piangenti. La chiesa e il santuario furono probabilmente costruiti nei primi decenni del 1000: infatti, nel 1039 Bonifacio di Canossa, padre di Matilde di Canossa, fece recapitare una lettera che attestava il possesso di Cognento di una cappella situata nell'attuale zona in cui risiede la frazione.

Persone legate a Cognento[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La società sportiva di Cognento è la U.S.Young Boys-Polisportiva Cognentese fondata nel 1946 come Unione Sportiva Cognentese, la quale raccoglie all'interno delle proprie strutture, diverse discipline sportive come il calcio, il ciclismo, il tennis, bocce, boccette, podismo ed altri sport minori oltre a spazi culturali e ricreativi come corsi di ballo, corsi di pittura e diverso altro.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

La posizione, confinante a sud con la piena campagna, fa sì che nell'area sia presente una folta varietà di animali tipici della zona. Non è raro intravedere, in mezzo ai campi, fagiani, cerbiatti, lepri, ricci e altri animali selvatici. Di particolare interesse, perché non tipico della zona, è la presenza, all'interno dell'area del parco "Fermo Melotti", dello scoiattolo: è infatti possibile intravederlo, di giorno o di notte, mentre si aggira furtivo tra prati e case alla disperata ricerca di cibo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia di San Geminiano, parrocchiacognento.com. URL consultato il 20-09-2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di emilia