Climi in Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Europa è caratterizzata da cinque differenti ambienti climatici, dovuti soprattutto all'ampia estensione in latitudine del continente:

Tra questi il clima prevalente è quello continentale (soprattutto il continentale fresco).

Clima subartico o di alta montagna

Il clima artico è tipico del nord d'Europa (l'Islanda e gran parte della Norvegia), e si contraddistingue per le scarse precipitazioni, per lo più nevose; per le temperature rigide, che superano gli 0° solo in primavera e in estate; per i venti freddi. L'insieme di questi fenomeni determina la scarsità della vegetazione.

Clima continentale (freddo e fresco)

Nella fascia inferiore (gran parte della Comunità degli Stati Indipendenti, della Svezia e della Finlandia) troviamo il clima continentale freddo, che si differenzia dal continentale fresco per le temperature più basse. Quest'ultimo è tipico dell'Europa sud-occidentale e sud-orientale.

Il clima continentale presenta in generale una breve stagione calda e afosa e una lunga stagione fredda e nevosa.

Clima atlantico

Il clima atlantico è tipico di Gran Bretagna e Irlanda, di parte della Svezia e della Norvegia, del Portogallo, delle coste spagnole, francesi, polacche e tedesche, dei Paesi Bassi, del Belgio e della Danimarca.

Presenta piovosità abbondanti con rare precipitazioni nevose e temperature miti che occasionalmente possono scendere al di sotto degli 0 °C.

Clima montano

Tipico delle catene montuose dell'Europa centro-meridionale, ha inverni rigidi e nevosi ed estati fresche e piovose.

Clima mediterraneo

Il clima mediterraneo è caratterizzato da inverni brevi e miti ed estati lunghe e calde. In primavera e in autunno le precipitazioni sono scarse, e le nevicate rare. Tra maggio e settembre sono frequenti lunghi periodi di siccità.

È tipico di Spagna, Italia, Grecia, Turchia, Georgia, Azerbaigian e, parzialmente, anche di Slovenia, Croazia, Montenegro e Albania.