Climi in Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

il clima nordico[modifica | modifica sorgente]

Interessa la parte più settentrionale del continente, dall'Islanda fino ai monti Urali in Russia. È caratterizzato da scarse precipitazioni che si verificano soprattutto in estate. Gli inverni sono molto lunghi e rigidi con temperature medie intorno ai -15 °C con punte massime che possono arrivare a -50 °C. Le estati sono brevi e fresche. Le nevi perenni si abbassano notevolmente e i ghiacciai giungono fino al mare. Durante le brevi estati il ghiaccio superficiale si scioglie, ma il terreno sottostante resta ghiacciato; così non può assorbire l'acqua e si formano acquitrini determinando il fenomeno del permafrost. fa molto freddo.

Il clima oceanico/atlantico[modifica | modifica sorgente]

Le nazioni europee che si affacciano sull'Oceano Atlantico risentono dell'influenza benefica della Corrente del Golfo del Messico, una corrente calda], giunge lungo le coste europee e si disperde nei mari dell'Artide. Essa provoca un innalzamento della temperatura, soprattutto d'inverno, e un grande apporto di umidità che si trasforma in abbondanti precipitazioni. Gli effetti di questa corrente sono sentiti non solo sulle zone costiere, ma anche nelle regioni più interne non protette da catene montuose ostacolanti il cammino delle nuvole.

Il clima alpino[modifica | modifica sorgente]

variabile

Questo clima è presente sulle zone montuose, il fattore che lo determina è l'altitudine. Gli inverni sono lunghi e freddi, le estati fresche. Le precipitazioni, sia nevose che piovose, sono abbondanti in tutto l'arco dell'anno.

Il clima mediterraneo[modifica | modifica sorgente]

Questo clima è decisamente più mite rispetto al resto dell'Europa, con l'eccezione dell'alto Adriatico, dove l'influenza marittima è più attenuata. Nelle regioni del bacino del Mediterraneo le estati sono lunghe e per lo più prive di precipitazioni; gli inverni sono, in genere, abbastanza brevi e piovosi.

Il clima continentale[modifica | modifica sorgente]

Questo clima è tipico delle zone lontane dai mari o correnti calde. Diminuiscono le precipitazioni e aumenta sensibilmente l'escursione termica sia diurna che annuale. Le estati sono calde e afose, gli inverni lunghi, freddi e nebbiosi. Questo clima si suddivide in: clima continentale freddo e clima continentale caldo.

'Il clima continentale freddo interessa la parte nord la Russia e l'est della scandinavia, è caratterizzato una stagione nevosa e fredda che dura da settembre a marzo, per poi in primavera rilasciare un clima caldo e afoso (da maggio ad agosto) che favorisce lo sviluppo vegetativo e le attività agricole.

Il clima continentale caldo Interessa la parte sud della Federazione Russa, il centro della Spagna, la Pianura Padana, il nord della penisola Baltica e alcune regioni come:l'Austria, la Svizzera, la Francia, il Liechtenstein, il Lussemburgo, i Paesi Bassi e il Belgio.

Clima montano ha estati fresche e piovose e inverni lunghi e rigidi.

geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia