ClG J0958+4702

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
ClG J0958+4702
Ammasso di galassie
Galaxy Merger in Infrared, Visible, and X ray.jpg
ClG J0958+4702
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneOrsa Maggiore
Ascensione retta09h 58m 19.3s
Declinazione+47° 02′ 00″
Distanza4,246 miliardi di a.l. (distanza percorsa dalla luce) (distanza comovenete: 5,003 miliardi di a.l.)  
Redshiftz = 0,390684
Velocità radiale116.919 km/s
Caratteristiche fisiche
TipoAmmasso di galassie
Altre designazioni
RX J0958.3+4702, 1RXS J095816.8+470240, [MWB97] 445, 2MASX J09581934+4702003, SDSS J095819.35+470200.1, SDSS J095819.35+470200.2, WHL J095811.3+470255 BCG, GMBCG J149.58064+47.03339 BCG
Mappa di localizzazione
ClG J0958+4702
Ursa Major IAU.svg
Categoria di ammassi di galassie

Coordinate: Carta celeste 09h 58m 19.3s, +47° 02′ 00″

ClG J0958+4702 (o CL0958+4702) è un ammasso di galassie, situato nella costellazione dell'Orsa Maggiore, la cui luce ha impiegato circa 4,2 miliardi di anni per giungere fino alla Terra, che corrisponde ad una distanza comovente di circa 5 miliardi di anni luce[1][2].

Le immagini dell'ammasso, raccolte dal telescopio spaziale Spitzer, dal telescopio spaziale Chandra e dal telescopio a terra WIYN situato in Arizona, ci mostrano nel suo centro la fusione di quattro grandi galassie che formeranno col tempo un'unica gigantesca galassia ellittica. L'ulteriore evoluzione sarà verso la costituzione di un ammasso fossile di galassie[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NASA's Spitzer Spies Monster Galaxy Pileup - NASA Spitzer Space Telescope, su NASA Spitzer Space Telescope. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  2. ^ Chandra :: Photo Album :: Spitzer and Chandra Spy Monster Galaxy Pileup :: 06 Aug 07, su chandra.harvard.edu. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  3. ^ Kenneth Rines, Rose Finn e Alexey Vikhlinin, An Extremely Massive Dry Galaxy Merger in a Moderate Redshift Cluster, in The Astrophysical Journal, vol. 665, nº 1, 10 agosto 2007, pp. L9-L13, DOI:10.1086/521102. URL consultato il 16 gennaio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari