Civiltà Contadina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Civiltà Contadina è un'associazione senza scopi di lucro gestita da volontari e nata nel 1996[1]. L'associazione cura il portale Civiltacontadina.it e fa parte della Rete Semi Rurali[2]; è stata la prima a fare una "petizione per la libertà di seminare e scambiare sementi" recepita dalla legge nazionale 46/2007 e dalla direttiva comunitaria. La normativa che recepisce la petizione di Civiltà contadina permette a tutti, contadini e non, la distribuzione di sementi antiche per motivi di conservazione senza alcun rischio di incorrere in infrazioni"[3]. Si applica anche alla creazione di una "Mappa del cibo locale"[4], che agevoli il contatto tra produttori e consumatori per la vendita diretta dei prodotti agricoli, secondo i principi della filiera corta[5]. Dall'aprile 2016 il presidente è Cristiano Del Toro[6]. L'attività dell'Associazione a tutela della biodiversità ha in più occasioni destato l'attenzione della stampa nazionale.[7] [8]

Le azioni[modifica | modifica wikitesto]

Tra le azioni portate avanti dall'associazione per la tutela della biodiversità figurano[9]:

  • Custodi di Semi, volta alla salvaguardia lo scambio e la condivisione di semi di varietà locali e tradizionali; è un'azione che si collega all'attività di seed saving internazionale[10]. Fanno parte di questa attività l'Arca dei Semi, database ufficiale associativo dove vengono iscritti tutte le varietà tradizionali italiane conservate dai soci dell'Associazione, e la Lista Rossa, elenco di varietà ancora prive di un agricoltore custode.
  • Orti scolastici, ossia la promozione e la creazione di orti presso le scuole per fare lezione all'aperto e unire attività pratiche allo sviluppo della creatività e della condivisione del sapere contadino, anche tramite raccolta e catalogazione di materiale bibliografico;
  • Frutta Antica, ossia la conservazione e la riproduzione, nonché la promozione sul territorio delle varietà di frutti antichi e dimenticati: se nel commercio la grande distribuzione tende a proporre sempre meno varietà e a standardizzare l'offerta, questa azione si propone di andare a recuperare le varietà "abbandonate" dal commercio moderno e valorizzarle;
  • Pollo Ancona, ossia la conservazione e la tutela delle razze autoctone. L'azione, iniziata nel 2000, deve il suo nome dalla razza di polli Ancona, attualmente allevata dai soci, insieme ad altre varietà autoctone non ibridate;
  • La Banca dei semi, per la conservazione, la catalogazione e la riproduzione di semi, anticipa quella che sarà l'azione della futura Rete di Contadini Custodi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.civiltacontadina.it
  2. ^ "Chi siamo", in www.semirurali.net .
  3. ^ Alberto Olivucci, "Editoriale", Biodiversità rurale, novembre 09, p. 1.
  4. ^ "Mappa del cibo locale", in www.civiltacontadina.it.
  5. ^ "Politiche di sostenibilità: i vantaggi della filiera corta in agricoltura", in magazine.quotidianonet.ilsole24ore.com.
  6. ^ Civiltà Contadina - Responsabile per il sito: Olivucci Alberto, Civiltà Contadina Messaggio del nuovo Presidente di Civiltà Contadina - Notizie, su www.civiltacontadina.it. URL consultato il 23 maggio 2016.
  7. ^ Mais rosso e pesche nobili. Una banca dei semi salverà le specie lombarde corriere.it
  8. ^ Un appello per semi «veri» ilmanifesto.it
  9. ^ "Le Azioni", in www.civiltacontadina.it .
  10. ^ bio-benessere.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]