Ciolo de la Barba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ciolo de la Barba da Pisa (... – ...) è stato un poeta italiano.

Fu un poeta pisano, esponente della poesia cortese toscana del XIII secolo, e rapportabile alla sfera di influenza di Guittone d'Arezzo[1].

Canzoni poetiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Compiutamente mess' ho intenzione[2]

« Morir meglio mi fora naturali,
pensando li martìri
ch'i' ho patuto e pato nott' e dia,
con altre cose che non mi son 'guali
de li miei [gran] disiri,
mene comprese di voi, donna mia. »

(Ciolo de la Barba da Pisa, estratto da "Compiutamente mess' ho intenzione")

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi: Introduzione a Antonello Borra, Guittone d'Arezzo e le maschere del poeta: la lirica cortese tra ironia e palinodia, Longo, 2000, ISBN 978-88-8063-262-7. consultabile qui[collegamento interrotto]
  2. ^ F. Jensen, p. 110

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]