Chiedo scusa al signor Gaber

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiedo scusa al signor Gaber
ArtistaEnzo Iacchetti
Tipo albumStudio
Pubblicazione16 ottobre 2009
Durata39:07
Dischi1
Tracce11
GenerePop
EtichettaEdel Records
Enzo Iacchetti - cronologia
Album precedente
Canzoni bonsai
(1991)
Album successivo
(2011)

Chiedo scusa al signor Gaber è il terzo[1] album di Enzo Iacchetti, tributo al cantante Giorgio Gaber.[2] Insieme alla Witz Orchestra rivisita con simpatia alcuni dei brani più famosi del repertorio degli anni sessanta di Gaber.[2]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Torpedo blu (Leo Chiosso/Giorgio Gaber) - 2:53
  2. Il Riccardo (Umberto Simonetta/Giorgio Gaber) - 3:46
  3. Com'è bella la città (Sandro Luporini/Giorgio Gaber) - 3:34
  4. Barbera e champagne - 3:48
  5. L'orgia - 3:07
  6. Trani a gogò - 3:33
  7. La ballata del Cerruti - 3:11
  8. Una fetta di limone - 3:13
  9. Benzina e cerini - 3:23
  10. Porta Romana - 4:58
  11. Ma pensa te - 4:21

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enzo Iacchetti su Orrore a 33 giri, su orrorea33giri.com. URL consultato il 25-10-2009 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2010).
  2. ^ a b "Chiedo scusa al Signo Gaber". Canta Iacchetti e si salva in corner, "lastampa.it, 15 ottobre 2009, su lastampa.it. URL consultato il 24-10-2009 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2009).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica