Cerrano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cerrano
StatoItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
Lunghezza10 km
Altitudine sorgente447 m s.l.m.
NasceAtri
SfociaMare Adriatico

Il Cerrano o torrente Cerrano è un torrente della provincia di Teramo in Abruzzo.

Nasce sui colli di Atri, nel "fosso della Strega", dalle antichissime fontane Strega, Pila e Canale, di tipo qanat e, dopo un corso di circa dieci chilometri, sfocia in mare nel Comune di Silvi, 500 metri a sud della Torre di Cerrano, alla quale ha dato il nome. Il Cerrano porta sempre acqua, anche nei periodi di siccità, in estate supera addirittura i fiumi Piomba e Tavo, vittime di prelievi d'acqua a scopi agricoli e zootecnici.

Il Cerrano (che in epoca romana era chiamato Matrinus) probabilmente deriva il suo nome da quello della dea Cerere (Demeter, Dea Mater)[1].

In epoca romana e nel medioevo l'area della foce del Cerrano era il sito dell'antico porto di Atri, nello specchio di mare vicino alla torre ed al torrente giacciono sommersi i resti di un molo a forma di "L", opere murarie e vari manufatti[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pino Zanni Ulisse, Il porto Cerrano-Matrinus nella storia antica, in Cerrano ieri e oggi, p. 16.
  2. ^ Glauco Angeletti, Primi rilievi su strutture sommerse antistanti la Torre di Cerrano, in Cerrano ieri e oggi, p. 120.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Sgattoni e Pino Zanni Ulisse (a cura di), Cerrano ieri e oggi, Teramo, Amministrazione Provinciale di Teramo, settembre 1983.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 42°34′00″N 14°05′00″E / 42.566667°N 14.083333°E42.566667; 14.083333

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo