Catetinho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Catetinho
Vista do Catetinho.jpg
Veduta dell'edificio
Localizzazione
StatoBrasile Brasile
Stato federatoDistretto Federale
LocalitàBrasilia
Coordinate15°56′51.44″S 47°59′18.22″W / 15.947622°S 47.988394°W-15.947622; -47.988394Coordinate: 15°56′51.44″S 47°59′18.22″W / 15.947622°S 47.988394°W-15.947622; -47.988394
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzionenovembre 1956
Usocentro culturale
Piani2
Realizzazione
ArchitettoOscar Niemeyer
ProprietarioGoverno federale del Brasile
CommittenteGoverno del Brasile

Il Catetinho è stata la prima residenza ufficiale del presidente brasiliano Juscelino Kubitschek nel nuovo distretto federale al momento della costruzione della nuova capitale del paese, Brasilia. Si trova nei pressi dell'autostrada BR-040, vicino alle città di Santa Maria e Gama.

È stato progettato da Oscar Niemeyer e costruito in soli 10 giorni nel novembre 1956 come residenza provvisoria del presidente della repubblica. È un edificio semplice, conosciuto come il Palazzo di Tavole (in portoghese Palácio de Tábuas).[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome richiama quello del palazzo presidenziale dell'epoca, il Catete, modificato con il diminutivo date le sue dimensioni ridotte.

Fu progettato senza comfort o onori ufficiali, per fare in modo che il presidente non si allontanasse dagli operai, che vivevano nelle vicine baracche e in tende. Ancora oggi i visitatori possono vedere alcuni monolocali, come quello presidenziale, la sala delle discussioni, i locali dei membri del governo, la stanza degli ospiti e, al pian terreno, la mensa.

Il Catetinho è stato protetto come bene culturale dall'allora Serviço do Patrimônio Histórico e Artístico Nacional, attuale Instituto do Patrimônio Histórico e Artístico Nacional, nel 1959.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Catetinho, su voyages.michelin.fr.
  2. ^ Copia archiviata, su sc.df.gov.br. URL consultato il 21 maggio 2005 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2005).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]