Categoria grammaticale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – L'espressione categoria grammaticale è utilizzata in linguistica con diverse accezioni non del tutto coerenti tra loro. Se stai cercando le "categorie grammaticali" intese come "parti del discorso", vedi la voce relativa.

Categoria grammaticale è "ogni classe di opzioni grammaticali complementari e omogenee"[1]. Tale omogeneità è definita dalla essenzialità di alcune fondamentali esperienze cognitive dell'uomo, quali la distinzione tra un genere maschile, un femminile e un neutro; la collocazione di un dato evento nel tempo e l'eventuale indicazione della sua durata; l'indicazione della numerosità di determinati oggetti (unicità o molteplicità).[2]

Sono dunque categorie grammaticali genere, numero, persona, tempo, modo/modalità, aspetto, diatesi, caso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Simone, Fondamenti, 2008, cit., p. 303.
  2. ^ Paola Cotticelli, Categorie grammaticali, dispense per l'Università di Verona.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]