Cartalismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il cartalismo è una teoria economica sviluppata dall'economista tedesco Georg Friedrich Knapp,[1][2] con l'importante contributo di Alfred Mitchell-Innes.

Il termine "cartalismo" deriva dall'inglese chartalism in lingua inglese, che a sua volta deriva dal latino charta cioè "carta", in attinenza alla natura della moneta cartacea prevista nel sistema della moneta a corso legale e in contrapposizione con la teoria monetaria del metallismo.

La teoria è stata ripresa negli ultimi anni dall'economista statunitense Warren Mosler come fondamenta della teoria post-keynesiana della moneta moderna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Knapp, George Friedrich, The State Theory of Money, Macmillan and Company, 1924, pp. vii.
  2. ^ Cartalismo e Metallismo. Due visioni sulle origini e lo sviluppo della moneta
Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia