Caposaldo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il caposaldo è un appostamento militare e costituisce un centro di resistenza.

È detto dai francesi Punto d'appoggio. È di massima in grado di esercitare azione in varie direzioni, è dotato naturalmente o ad arte, di resistenza ad oltranza anche se circondato, o di reazione rispetto agli elementi vicini dello stesso sistema. Secondo la sua importanza e il suo compito, può essere tenuto da forza variabile, fra quello di un plotone o di una compagnia. Comprende i posti di combattimento tenuti da reparti inferiori al plotone.

Il concetto a cui si ispira il caposaldo risponde a quello del frazionamento dei mezzi sul terreno, per sottrarsi al tiro nemico. Questi mezzi debbono essere disposti e sistemati in modo che costituiscano un'organizzazione armonica, rispondente ad un determinato scopo tattico.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stato Maggiore Esercito - Ufficio Addestramento. Memoria sull'azione difensiva in terreni fortificati di pianura e collinosi. 1960, Roma;
  • Ministero della Difesa - SME. Difesa nella dottrina e nella realtà. 1950, Roma.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra