Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Capodanno coreano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capodanno coreano
Tipo di festaInternazionale
Datail primo giorno del calendario lunare
Periodoper tre giorni dalla data dell'inizio dell'anno (compresa)
Celebrata inCorea e comunità coreane nel mondo
Religionebuddhismo
Oggetto della celebrazioneInizio dell'anno per il calendario lunare
Feste correlateCapodanno cinese, Tết Nguyên Ðán, Losar, Tsagaan Sar
TradizioniCharye, sebae, giochi popolari
Tradizioni culinarieTteokguk, tteok
Altri nomiCapodanno Lunare

Il Capodanno coreano, comunemente conosciuto come Seollal o Sŏllal (설날?, SeollalLR, SǒllalMR), è la più importante tra le festività nazionali coreane, ed è celebrato il primo giorno del calendario lunare. Esso consiste in un periodo di festeggiamenti, che iniziano il giorno di Capodanno e si concludono dopo tre giorni. I coreani festeggiano anche il Capodanno solare, il giorno del 1º gennaio, come da calendario gregoriano[1].

Il termine Seollal si riferisce generalmente al Eum-nyeok Seollal (음력설날, capodanno lunare), conosciuto anche come Gujeong (hangul: 구정; hanja: 舊正). Meno comunemente, la stessa parola si riferisce allo Yang-nyeok Seollal (양력설날, capodanno solare), chiamato anche Sinjeong (hangul: 신정).

Il Capodanno Coreano cade generalmente nel giorno del secondo novilunio dopo il solstizio d'inverno, a meno che non ci sia un raro undicesimo o dodicesimo mese intercalare. In questo caso, il Capodanno cade nel giorno del terzo novilunio dopo il solstizio, caso che accadrà nell'anno 2033. Il Seollal accade lo stesso giorno del Capodanno mongolo, Capodanno tibetano, Capodanno cinese e Capodanno vietnamita.

Usi e costumi[modifica | modifica wikitesto]

Il Capodanno Coreano è generalmente una festività orientata verso la famiglia, e i giorni di festa vengono comunemente usati per far visita a genitori e parenti lontani. Nelle case si compiono rituali rivolti agli antenati, conosciuti come charye (차례), e molti coreani indossano hanbok colorati. Il piatto tipico, spesso consumato durante le celebrazioni, si chiama Tteokguk o Ttŏkkuk (떡국) (zuppa con tortine di riso).

Diversi coreani danno il benvenuto all'anno nuovo (che sia solare o lunare) visitando località balneari della costa orientale, quali Gangneung e Donghae nella provincia del Gangwon, dove si aspetta di vedere i primi raggi del primo sole del nuovo anno[2].

Il Sebae[modifica | modifica wikitesto]

Il Sebae è il tradizionale rito praticato per portare rispetto alle persone più anziane, generalmente compiuto dai bambini verso i genitori. I figli augurano ai propri genitori un felice anno nuovo con le parole saehae bok manhi badeuseyo (새해 복 많이 받으세요), tradotte come possiate ricevere molte benedizioni nel nuovo anno. I genitori, poi, premiano questo gesto dei figli donando loro il denaro del nuovo anno, generalmente banconote fatte con la cartapesta, e raccontando loro perle di saggezza. Nel passato, i genitori cucinavano torte di riso (tteok) o alla frutta.

Giochi popolari[modifica | modifica wikitesto]

Al Seollal sono associati diversi giochi tradizionali, tra cui forse il più popolare è lo Yutnori (윷놀이), un gioco da tavolo praticato in famiglia come passatempo. Inoltre, uomini e ragazzini fanno volare gli aquiloni e giocano al jegi chagi (제기차기), nel quale oggetti leggeri sono incartati in pezzi di stoffa o di carta, e poi calciati alla maniera di un footbag. Le donne e le ragazze, invece, si dilettano nel neolttwigi (널뛰기), un gioco nel quale si salta su un'altalena (시소). I bambini più piccoli, infine, si divertono con le trottole (팽이).

Al giorno d'oggi, i coreani moderni amano passare i giorni di festa giocando a Go-Stop, un gioco di carte nel quale si utilizzano le Hwatu (화투), versione coreana delle carte dei fiori giapponesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nguyen, Anna, Capodanno coreano, The Arkansas Traveler, 12 febbraio 2007.
  2. ^ Chan, L. P., Diverse celebrazioni di Capodanno nel mondο, su trifter.com, 3 gennaio 2008. (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]