Cantiere navale di Stettino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stocznia Szczecińska
Stocznia Szczecińska (3343199794).jpg
StatoPolonia Polonia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1945 a Stettino
Chiusura2009
Sede principaleStettino
Settorecantieristica
Dipendenti12.000 (anni '70)
Sito webwww.ssn.pl

Il cantiere navale di Stettino (polacco: Stocznia Szczecińska) è stato un cantiere navale della città di Stettino in Polonia, fondato dopo la seconda guerra mondiale sui resti degli ex cantieri navali tedeschi AG Vulcan e Stettiner Oderwerke, distrutti dalle incursioni aeree alleate nel corso della seconda guerra mondiale. Durante il regime comunista ha operato come impresa statale fino al 1990, quando con il crollo del regime comunista è stata trasformata in società per azioni Stocznia Szczecińska SA, andata in bancarotta nel giugno 2002. Sulla base delle attività della Stocznia Szczecińska SA, nel 2002 è stato creato un nuovo cantiere navale con il nome di Stocznia Szczecińska Nowa, anche questa fallita nel 2008. Il cantiere, intitolato dal 1959 al 1990 ad Adolf Warski fu teatro, nel 1958, del primo sciopero dei lavoratori polacchi dopo la seconda guerra mondiale e nel corso degli anni settanta e degli anni ottanta fu uno dei più importanti centri della resistenza anticomunista in Polonia, con i i lavoratori del cantiere che anno preso parte ai grandi scioperi nel dicembre del 1970 e dell'agosto 1980 che portarotono agli accordi di Danzica, con il riconoscimento di Solidarność, il primo sindacato libero ed indipendente del blocco sovietico.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN128387297 · WorldCat Identities (ENviaf-128387297