Calvin Bridges

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Calvin Blackman Bridges (Schuyler Falls, 11 gennaio 1889Los Angeles, 27 dicembre 1938) è stato un biologo statunitense conosciuto per i suoi contributi nell'ambito della genetica. Bridges, insieme ad Alfred Sturtevant e Hermann Joseph Muller, fece parte della famosa stanza delle mosche di Thomas Hunt Morgan alla Columbia University.

I suoi lavori con i tratti legati al sesso delle mosche della frutta Drosophila melanogaster suggerirono che i cromosomi contenessero geni. In seguito Nettie Maria Stevens fu in grado di provare questa ipotesi esaminando i cromosomi delle mosche della frutta. Bridges scrisse un paio di documenti presentando le prove, la ringraziò citandola solo come "Miss Stevens" senza dichiarare quali fossero stati i suoi contributi e senza nemmeno riferirsi al suo dottorato.

I contributi più noti di Bridges tra i ricercatori della Drosophila sono le sue osservazioni ed i documenti sui cromosomi politenici trovati nelle cellule delle ghiandole salivari delle larve. I pattern di questi cromosomi sono ancora usati come riferimento genetico dai ricercatori contemporanei.

Bridges morì nel 1938 a Los Angeles, California. Esistono diverse versioni sulla causa della sua morte, è incerto se si sia trattato di sifilide, o insufficienza cardiaca dovuta ad un'infezione delle valvole.

Controllo di autorità VIAF: (EN19757331 · ISNI: (EN0000 0000 8098 6834 · GND: (DE1024757919 · BNF: (FRcb12373558t (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie