Caccola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il movimento del muco all'interno del sistema respiratorio

Vengono comunemente chiamate caccole quella categoria di secrezioni di consistenza da solida a liquida, generalmente di piccole dimensioni, prodotte dalle membrane di rivestimento delle cavità craniali in comunicazione con l'esterno. Le caccole possono fuoriuscire dal naso[1] o dagli occhi[1] (secrezioni lacrimali essiccate, dette comunemente "cispe"[1]) e la loro consistenza può variare in funzione del grado di idratazione, può essere collosa o a volte friabile.

Origine delle caccole[modifica | modifica wikitesto]

Il muco prodotto dalla mucosa nasale, che è composto di proteine glicosilate e di sali disciolti in acqua e che negli individui sani ha lo scopo di liberare tale via respiratoria dagli agenti estranei, viene trasportato verso le narici dalle ciglia. A causa dell'aerazione del condotto, nonché in riferimento all'umidità dell'ambiente, il muco perde gran parte dell'acqua di cui è costituito e di conseguenza si formano le note crosticine friabili e/o filamentose.

La transizione da muco a caccola ha un confine incerto. Simile è il discorso per le caccole degli occhi: vi è sempre un muco che poi rapprende lasciando infine la caccola. A volte si possono conglomerare con polveri di vario tipo presenti nell'aria respirata; è infatti questa la funzione precipua del muco: liberare dagli inquinanti le cavità nasali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Vocabolario Treccani, "Caccola", su treccani.it. URL consultato il 19 luglio 2014 (archiviato il 28 luglio 2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina