Burj Al Babas Villa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Burj Al Babas Villa è un villaggio residenziale realizzato nella Turchia nord-occidentale, nel distretto provinciale di Bolu, vicino alla città di Mudurnu e a circa tre ore da Istanbul.[1]

Il villaggio è noto per essere costituito da una pletora di 732 edifici tutti identici tra loro e simili a un castello[2] in stile francese, ma è completamente disabitato a causa del fallimento del consorzio di imprese che si sono occupate della sua costruzione, avvicinandosi al completamento.

È stato indicato da Bloomberg come uno dei fallimenti immobiliari più ingenti e catastrofici della Turchia negli ultimi anni.[1]

Genesi del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto Burj Al Babas Villa ha avuto origine nel 2014[3] per volere di un gruppo di immobiliaristi turchi che, organizzati nel Gruppo Sarot, nel 2016 decisero di finanziare il progetto di un grande villaggio a sud della cittadina di Burj Al Babas per un costo totale di 205.000.000 di dollari.

L'idea fu quella di realizzare un villaggio con abitazioni di prestigio da realizzarsi tutte identiche e da completare entro tre anni, con una parziale possibilità di personalizzazione degli interni a carico dell'acquirente.

Malgrado la fiducia dei finanziatori circa le potenzialità dell'idea e seppur completate quasi tutte le settecento unità immobiliari in poco più di due anni, l'alta inflazione registrata in quel periodo e la concomitante crisi economica del paese hanno avuto un impatto negativo sul mercato immobiliare in generale e conseguentemente su tale progetto.[1]

Nonostante il complesso immobiliare abbia anche un regolare sito internet in rete che documenta dettagliatamente le varie fasi della costruzione dell'intera area residenziale e gli interni delle singole abitazioni, i lavori si sono completamente arrestati nel 2017, conferendo al complesso abbandonato un aspetto spettrale.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'area dell'intero villaggio Burj Al Babas comprende circa trecentomila metri quadrati di superficie a ridosso di un territorio boschivo che è stato in parte abbattuto per consentire la costruzione delle 732 unità immobiliari e del grande centro commerciale organizzati in viali, strade e piazze che però non sono più state realizzate a causa della definitiva interruzione dei lavori.

Le ville hanno una superficie di 325[4] metri quadrati ciascuna e avevano prezzi al pubblico, quando furono costruite, che oscillavano tra i 260 e i 440.000 Euro.[5][6] Le unità immobiliari sono tutte indipendenti e realizzate in una sorta di stile neogotico francese ispirato al castello di Chenonceau nella Valle della Loira, con tanto di torri cilindriche e abbaini, inoltre le unità più prestigiose si affacciano su un lago artificiale realizzato nella zona.

Gli interni dei singoli edifici replicati identici e affiancati l'uno all'altro, sono piuttosto pretenziosi e vantano rifiniture di pregio come pavimenti in legno o marmo, pareti e soffitti decorati con stucchi, dorature, piscine interne ed esterne, fontane ma anche moderni ascensori, sistemi di condizionamento e domotica.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Il rapper tedesco Ufo361 vi ha girato il video musicale per la sua canzone Bad girls, good vibes.[7]
  • Il video musicale di Lose Control, singolo del gruppo italiano Meduza con la partecipazione dei Goodboys e Becky Hill, è stato interamente girato a Burj al Babas.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Cagan Koc, Builder of $200 Million Turkish Chateaux Project Goes Bankrupt, Bloomberg, 26 novembre 2018. URL consultato il 10 marzo 2019 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2019).
  2. ^ Carlotta Gall, Want a Castle in Turkey? You May Find a Bargain, in The New York Times, 3 marzo 2019. URL consultato l'11 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2019).
  3. ^ Tom Ravenscroft, Drone footage reveals hundreds of abandoned Turkish chateaux, Dezeen, 18 gennaio 2019. URL consultato l'11 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2019).
  4. ^ Burj al Babas e i 700 castelli incompiuti, su viaggianza.com. URL consultato il 3 maggio 2021 (archiviato il 3 maggio 2021).
  5. ^ In Turchia si vende un paesino intero di castelli Disney, su idealista.it. URL consultato il 3 maggio 2021 (archiviato il 24 settembre 2020).
  6. ^ This Isn’t a Future Disney Theme Park, Just the Burj al Babas Dream Castle Ghost Town in Turkey, su techeblog.com. URL consultato il 3 maggio 2021 (archiviato il 3 maggio 2021).
  7. ^ Bad girls, good vibes su youtube.com.
  8. ^ Lose control, su songfacts.com. URL consultato il 4 maggio 2021 (archiviato il 4 maggio 2021).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Turchia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Turchia