Brand New Day (album Sting)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Brand New Day)
Brand New Day
Artista Sting
Tipo album Studio
Pubblicazione 24 settembre 1999[1]
Durata 48:49
Dischi 1
Tracce 10
Genere Pop rock
World music
Etichetta A&M
Produttore Kipper, Sting
Registrazione 1999
Certificazioni
Dischi d'oro Argentina Argentina[2]
(vendite: 30 000+)

Austria Austria[4]
(vendite: 25 000+)
Francia Francia (2)[5]
(vendite: 397 500)[6] Germania Germania[7]
(vendite: 150 000+)
Norvegia Norvegia[8]
(vendite: 25 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[9]
(vendite: 50 000+)

Spagna Spagna[10]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platino Australia Australia[11]
(vendite: 70 000+)

Canada Canada (2)[12]
(vendite: 262 000)[13] Europa Europa (2)[14]
(vendite: 2 000 000+)
Giappone Giappone [15]
(vendite: 105 480)[16] Nuova Zelanda Nuova Zelanda[17]
(vendite: 15 000+)
Polonia Polonia[18]
(vendite: 100 000+)
Regno Unito Regno Unito[19]
(vendite: 420 000)[20] Stati Uniti Stati Uniti (3)[21]
(vendite: 3 500 000)[22]

Svizzera Svizzera[23]
(vendite: 50 000+)
Sting - cronologia
Album successivo
(2001)
Singoli
  1. Brand New Day
    Pubblicato: settembre 1999
  2. Desert Rose
    Pubblicato: gennaio 2000
  3. After the Rain Has Fallen
    Pubblicato: aprile 2000
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[24] 3.5/5 stelle
Entertainment Weekly[25] (B−)
Houston Chronicle[26] 2.5/5 stelle
Los Angeles Times[27] 3.5/4 stelle
New York Times[28] (Misto)
Rolling Stone[29] 3/5 stelle

Brand New Day è il sesto album da solista del cantante britannico Sting, pubblicato nel settembre del 1999. Al momento della sua uscita, l'album è stato un successo di critica e di pubblico, venendo acclamato come il trionfale ritorno di Sting. Ha venduto all'incirca tre milioni e mezzo di copie nei soli Stati Uniti, ed è con molta probabilità il lavoro di maggior successo commerciale di Sting solista in Nord America.

L'album è stato guidato principalmente dal grande successo del secondo singolo estratto, Desert Rose, eseguita da Sting con la partecipazione del popolare cantante algerino Cheb Mami.

L'album ha trionfato con due premi ai Grammy Awards del 2000, tra cui quello al Miglior album pop vocale e la terza vittoria assoluta di Sting nella categoria Miglior interpretazione vocale maschile, quest'ultima ottenuta grazie alla title track Brand New Day.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

In origine, l'album doveva essere prodotto dal collaboratore storico di Sting, Hugh Padgham, ma alla fine il cantante rimase così contento del lavoro svolto da Kipper che Padgham non fu mai chiamato. Il nuovo produttore ha avuto il merito di introdurre una ventata d'aria fresca nella musica di Sting. Il cantante si è infatti ritrovato per la prima volta a fare ampio uso di campionamenti ed elettronica.

Nel disco compare il pezzo Prelude to the End of the Game; la versione intera di End of the Game è inclusa come lato B nell'edizione europea del singolo Brand New Day.

Come traccia bonus dell'edizione giapponese dell'album, appare una nuova versione del famoso brano The Windmills of Your Mind del musicista francese Michel Legrand, eseguita da Sting ed inclusa nella colonna sonora del film Gioco a due uscito nelle sale cinematografiche nel 1999. Il film è un remake de Il caso Thomas Crown (1968), che prevedeva lo stesso brano ma interpretato da Noel Harrison.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le canzoni sono state composte da Sting eccetto dove indicato.

  1. A Thousand Years – 5:57 (Kipper, Sting)
  2. Desert Rose (feat. Cheb Mami) – 4:45
  3. Big Lie, Small World (feat. David Hartley) – 5:05
  4. After the Rain Has Fallen – 5:03
  5. Perfect Love... Gone Wrong (feat. Sté Strausz) – 5:24
  6. Tomorrow We'll See – 4:47
  7. Prelude to the End of the Game – 0:20
  8. Fill Her Up (feat. James Taylor) – 5:38
  9. Ghost Story – 5:29
  10. Brand New Day – 6:19
Traccia bonus dell'edizione giapponese
  1. The Windmills of Your Mind – 6:48 (Michel Legrand, Alan Bergman, Marilyn Bergman)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1999) Posizione
Belgio (Vallonia)[48] 56
Francia[49] 32
Giappone[16] 188
Paesi Bassi[50] 83
Regno Unito[20] 150
Stati Uniti[51] 199
Classifica (2000) Posizione
Austria[52] 32
Belgio (Vallonia)[53] 74
Italia[41] 5
Regno Unito[20] 55
Stati Uniti[54] 28
Svizzera[55] 55

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Grammy Awards

Anno Vincitore Categoria
2000
[56]
Brand New Day Grammy Award al miglior album pop vocale
Brand New Day Grammy Award alla miglior interpretazione vocale maschile

Tour promozionale[modifica | modifica wikitesto]

Per promuovere l'album, Sting intraprese un tour mondiale partito il 14 ottobre 1999 dal Joint di Las Vegas (Nevada) e conclusosi il 14 dicembre 2001 all'AXIS sempre a Las Vegas. Per quanto riguarda l'Italia, il tour fece tappa nelle seguenti date:[57]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sting – Brand New Day (Album), swedishcharts, 24 settembre 1999. URL consultato il 14 dicembre 2012.
  2. ^ (ES) Gold & Platinum Discs su CAPIF. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  3. ^ http://www.ifpi.at/?section=goldplatin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 29 gennaio 2012. Inserire Sting nel campo "Interpret" e Brand New Day nel campo "Titel", quindi premere "Suchen".
  4. ^ [3]
  5. ^ French album certifications – Sting – Brand New Day, Syndicat National de l'Édition Phonographique.
  6. ^ (FR) Les Albums Double Or, infodisc.fr. URL consultato il 31 agosto 2011.
  7. ^ Gold-/Platin-Datenbank (Sting; 'Brand New Day'), Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 1º gennaio 2012.
  8. ^ Norwegian album certifications – Sting – Brand New Day, ifpi.no. URL consultato il 1º gennaio 2012.
  9. ^ Dutch album certifications – Sting – Brand New Day, Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  10. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados, prima edizione, ISBN 84-8048-639-2.
  11. ^ ARIA Charts – Accreditations – 2001 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 29 gennaio 2012.
  12. ^ (EN) Canadian album certifications – Sting – Brand New Day, Music Canada. URL consultato il 29 gennaio 2011.
  13. ^ (EN) Sting releasing new album, jam.canoe.ca, 22 maggio 2003. URL consultato il 31 agosto 2011.
  14. ^ IFPI Platinum Europe Awards – 2000, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 2 febbraio 2012.
  15. ^ (JA) The Record > January 2001 (PDF), Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  16. ^ a b Oricon Album Chart Book: Complete Edition 1970–2005, Roppongi, Tokyo, Oricon, 2006, ISBN 4-87131-077-9.
  17. ^ New Zealand album certifications – Sting – Brand New Day, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  18. ^ Polish album certifications – Sting – Brand New Day, zpav.pl. URL consultato il 29 gennaio 2012.
  19. ^ British album certifications – Sting – Brand New Day, British Phonographic Industry. URL consultato il 1º febbraio 2012.Inserire Brand New Day nel campo "Search". Selezionare Title nel campo "Search by". Selezionare Album nel campo "By format". Premere il tasto Go.
  20. ^ a b c (EN) Complete UK Year-End Album Charts. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  21. ^ American album certifications – Sting – Brand New Day, Recording Industry Association of America. URL consultato il 19 gennaio 2012.
  22. ^ (EN) Billboard Bits: Sting, O-Town, Harold Arlen, Billboard. URL consultato il 3 febbraio 2012.
  23. ^ Hung Medien, The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Sting; 'Brand New Day'), swisscharts.com. URL consultato il 29 gennaio 2012.
  24. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Brand New Day - Sting - Review, All Media Network. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  25. ^ (EN) Chris Willman, Brand New Day Review, ew.com, 1º ottobre 1999. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  26. ^ Bruce Westbrook, RECORDINGS: Brand New Day by Sting (A&M), 10 ottobre 1999. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  27. ^ (EN) Robert Hilburn, Record Rack: Sting Keeps His Faith in Style, articles.latimes.com, 26 settembre 1999. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  28. ^ (EN) Stephen Holden, RECORD REVIEW; For the Ears of Adults, nytimes.com, 26 novembre 1999. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  29. ^ (EN) James Hunter, Brand New Day | Album Reviews, rollingstone.com, 14 ottobre 1999. URL consultato il 29 maggio 2012.
  30. ^ australian-charts.com Sting – Brand New Day (ASP), Australian Recording Industry Association. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  31. ^ (DE) austriancharts.at Sting – Brand New Day (ASP) su Hung Medien. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  32. ^ (FR) ultratop.be Sting – Brand New Day (ASP) su Hung Medien, Ultratop. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  33. ^ (NL) ultratop.be Sting – Brand New Day (ASP) su Hung Medien, Ultratop. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  34. ^ a b allmusic ((( Brand New Day > Charts & Awards > Billboard Albums ))), allmusic.com. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  35. ^ a b Inc Nielsen Business Media, Billboard – 23 October – 1999, 23 ottobre 1999. URL consultato il 4 aprile 2012.
  36. ^ Inc Nielsen Business Media, Billboard – 16 October – 1999, 16 ottobre 1999. URL consultato il 4 aprile 2012.
  37. ^ finnishcharts.com Sting – Brand New Day (ASP) su Hung Medien. URL consultato il 29 gennaio 2012.
  38. ^ (FR) InfoDisc : Tous les Albums classés par Artiste > Choisir Un Artiste Dans la Liste, infodisc.fr. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  39. ^ (DE) Album Search: Sting – Brand New Day, Media Control. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  40. ^ (JA) スティング-リリース-ORICON STYLE-ミュージック Highest position and charting weeks of Brand New Day by Sting su oricon.co.jp, Oricon Style. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  41. ^ a b Hit Parade Italia – Gli album più venduti del 2000, hitparadeitalia.it. URL consultato il 12 ottobre 2011.
  42. ^ norwegiancharts.com Sting – Brand New Day (ASP) su Hung Medien, VG-lista. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  43. ^ charts.org.nz Sting – Brand New Day (ASP) su Hung Medien, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  44. ^ dutchcharts.nl Sting – Brand New Day (ASP) in dutchcharts.nl, MegaCharts. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  45. ^ Chart Stats – Sting – Brand New Day (PHP), Official Charts Company. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  46. ^ (SV) swedishcharts.com Sting – Brand New Day (ASP). URL consultato il 4 febbraio 2012.
  47. ^ (DE) Sting – Brand New Day – hitparade.ch (ASP) su Hung Medien, Swiss Music Charts. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  48. ^ (FR) Rapports annuels 1999 su Ultratop, Hung Medien. URL consultato il 25 gennaio 2012.
  49. ^ (FR) Les Albums (CD) de 1999 par InfoDisc (PHP), infodisc.fr. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  50. ^ (NL) Dutch charts jaaroverzichten 1999, Dutchcharts.nl. URL consultato il 9 aprile 2014.
  51. ^ Billboard.BIZ  – Year-end Charts – Billboard 200 – 1999, billboard.biz. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  52. ^ Austriancharts.at – Jahreshitparade 2000, Hung Medien. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  53. ^ (FR) Rapports annuels 2000 su Ultratop, Hung Medien. URL consultato il 25 gennaio 2012.
  54. ^ Billboard.BIZ  – Year-end Charts – Billboard 200 – 2000, billboard.biz. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  55. ^ Hitparade.ch – Schweizer Jahreshitparade 2000, Hung Medien. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  56. ^ (EN) Past Winners Search, grammy.com. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  57. ^ Tour - Brand New Day : 1999/01, http://www.sting.com/.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica