Birichino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il termine birichino, nella Bologna del XVIII secolo, indicava il popolino, e soprattutto i bambini di strada (l'analogo dei lazzaroni a Napoli). L'uso più celebre del termine è certo quello fatto da Vittorio Emanuele II che tacciò Cavour d'essere un birichìn, nel corso di un furioso litigio tra i due, avvenuto a Monzambano all'indomani dell'armistizio di Villafranca.[1]

Evoluzione della parola[modifica | modifica wikitesto]

L'etimologia della parola è incerta; secondo alcune fonti deriverebbe da buricco (saltimbanco), ma altri la fanno derivare dall'emiliano biricone ("briccone"). Per estensione, il termine è entrato nel lessico italiano come sinonimo "monello", ovvero un bambino o ragazzo vivace e impertinente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Licurgo Cappelletti, Storia di Vittorio Emanuele II e del suo regno, Enrico Voghera Editore, Roma, 1893, vol.2º, pag.89