Bernart Marti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

'Bernart Marti, anche attestato come Bernard Marchis'Bernardus Martini, Bernart Marquis, Bernartz Martis, Bernat Martis, detto Lo Pintor (... – ...), è stato un trovatore della metà del XII secolo che scrisse poesie e satire in occitano.. Le sue nove o dieci poesie sopravvissute mostrano l'influenza del suo contemporaneo Marcabru e il fatto che conobbe Peire d'Alvernha, il quale, in un componimento, viene accusato di abbandonare gli ordini sacri. Insieme a Peire, Gavaudan e Bernart de Venzac, viene talvolta collocato in una ipotetica scuola marcabruniana. La sua opera è "enigmatica, ironica e satirica" ma, a dire di Gaunt e Kay, non avrà seguito tra i successivi trovatori.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

I dieci componimenti di Bernart sono disponibili in lingua originale online su Trobar.org

  • A, senhors, qui so cuges
  • Amar dei
  • Belha m'es la flors d'aguilen
  • Bel m'es lai latz la fontana
  • Companho, per companhia
  • D'entier vers far ieu non pes
  • Farai un vers ab son novelh
  • Lancan lo douz temps s'esclaire
  • Quan l'erb'es reverdezida
  • Qant la pluei'e.l vens e.l tempiers

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Gaunt, Simon, and Kay, Sarah. "Appendix I: Major Troubadours" (pp. 279–291). The Troubadours: An Introduction. Simon Gaunt and Sarah Kay, edd. Cambridge: Cambridge University Press, 1999. ISBN 0-521-57473-0.
  • (IT) Beggiato, Fabrizio. Il trovatore Bernart Marti. Modena, 1984.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie