Bello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Bello (disambigua).

Il bello è una categoria dell'estetica, che fin dall'antichità ha rappresentato uno dei tre generi supremi di valori, assieme al vero e al bene, codificati da Platone e rimasti sostanzialmente validi sino al Settecento, quando si abbandonarono i canoni fino ad allora in uso, ammettendo anche il «brutto» come categoria dell'estetica di cui tener conto, da relazionare dialetticamente al «bello».

Il Parnaso di Raffaello ai Musei Vaticani, che raffigura l'ideale platonico del Bello.

Ciò che è bello si caratterizza per possedere la bellezza.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine deriva da quello latino bĕllus, avente il significato di «carino, grazioso», a sua volta derivante da *due- nŭlus, diminutivo di duenos, forma antica di bonus.[1]

Nozioni del bello nella storia[modifica | modifica wikitesto]

Per i Greci e per i Romani questo termine aveva un'estensione più ampia di quella attuale, poiché comprendeva non solo gli oggetti sensibili ma anche il principio spirituale, invisibile, che li rendeva tali, a cui ci si poteva elevare con l'ausilio del pensiero guidato dall'impulso di eros. Se gli antichi potevano fare a meno della nozione odierna di bello in senso stretto, era perché avevano termini specifici per il bello visibile, chiamato simmetria, come per il bello udibile, chiamato armonia.[2]

Nell'antichità si formulò la tesi secondo la quale il bello consiste nella proporzione e nella appropriata disposizione delle parti. Tale teoria può essere fatta risalire già ai Pitagorici. Successivamente ci furono integrazioni, teorie supplementari, riserve che sfociarono nel XVIII secolo in una vera e propria crisi della teoria che aveva dominato per oltre due millenni, a causa sia dell'empirismo filosofico che degli influssi dell'Illuminismo e del Romanticismo.

L'oggetto della disputa si spostò sulla caratteristica oggettiva del bello. Ci si cominciò a chiedere se, quando si indica come bello un corpo, gli si riconosca una proprietà che effettivamente possiede o meno. Da una concezione fondamentalmente oggettivistica si passò quindi a una concezione soggettivistica che porterà poi all'attuale abbandono della ricerca di una rigorosa definizione del termine estetico bello.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bello in Vocabolario Treccani
  2. ^ Plotino ad esempio affermava che il vero alunno delle Muse si accorge come non siano i corpi di per sé a essere belli, ma il principio ideale che li fa essere così, e che la bellezza consiste in una simmetria delle parti, le une rispetto alle altre e ognuna rispetto all'insieme (Plotino, Enneadi, I, 6).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 2811