Bando Graziani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Con il nome di Bando Graziani furono chiamati una serie di bandi di reclutamento militare obbligatorio, destinati ai giovani italiani nati negli anni tra il 1916 e il 1926, emanati dal Ministro della Difesa della Repubblica Sociale Italiana, Rodolfo Graziani, per la costituzione del nuovo esercito della RSI.

Il primo di questi bandi risale al 9 novembre 1943 e riguardava i giovani delle classi 1923, 1924 e 1925.[1] Dei 180 000 richiamati alla leva da questo primo bando, solo 87 000 si presentarono, tutti gli altri disertarono e molti di loro fuggirono raggiungendo le formazioni partigiane.[2][3] Il 18 febbraio 1944 un decreto di Mussolini sanciva la pena di morte mediante fucilazione per i renitenti e i disertori.[4][5][3][2] Questi bandi, tuttavia, ebbero scarso successo e anzi rafforzarono la resistenza partigiana clandestina, verso la quale furono attratti inevitabilmente i tanti renitenti in fuga dalla leva.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Testo del primo "bando Graziani", su sergiolepri.it. URL consultato il 12 maggio 2020.
  2. ^ a b Magliano in Toscana - La strage dei martiri d'Istia - Il contesto storico, su cantieridellamemoria.it. URL consultato il 12 maggio 2020.
  3. ^ a b c Il Bando Graziani, su memorieincammino.it. URL consultato il 12 maggio 2020.
  4. ^ "Gli iscritti di leva arruolati e i militari in congedo che durante lo stato di guerra e senza giustificato motivo, non si presenteranno alle armi nei tre giorni successivi a quello prefisso, saranno considerati disertori di fronte al nemico, ai sensi dell'articolo 144 C.P.M., e puniti con la morte mediante fucilazione al petto"
  5. ^ Marco Ruzzi, Presenza e attività delle forze della RSI in provincia di Asti (PDF), su israt.it, Istituto Storico della Resistenza e dell'Età contemporanea della provincia di Asti. URL consultato il 13 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierre Milza, Serge Burstein, Nicola Tranfaglia, Brunello Mantelli, Dizionario dei fascismi. Personaggi, partiti, culture e istituzioni in Europa dalla Grande Guerra a oggi, Bompiani, Milano, 2005.
  • Lutz Klinkhammer, L'occupazione tedesca in Italia 1943-1945, Bollati Boringhieri, Torino, 2007.
  • Pier Paolo Battistelli, Andrea Molinari, Le forze armate della RSI. Uomini e imprese dell'ultimo esercito di Mussolini, Hobby&Work, Milano, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]