Banca Intermobiliare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valoriBorsa Italiana: BIM
Fondazione1981 a Torino
Sede principaleTorino
GruppoBanca Intermobiliare
Persone chiave
SettoreFinanziario
Sito webwww.bancaintermobiliare.com

Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni è una private bank indipendente con sede a Torino e specializzata nella gestione dei patrimoni familiari.

Offre servizi di consulenza per gli investimenti, negoziazione, risparmio gestito e assicurativo, gestione del patrimonio non finanziario, servizi fiduciari. Offre, inoltre, servizi di investimento gestite dai principali asset manager internazionali, oltre che da fondi comuni. A completamento dei servizi di private banking, propone servizi di risparmio assicurativo e consulenza in tema fiscale e successorio.

La banca è quotata sul listino di Borsa Italiana dove è presente nell'indice FTSE Italia Small Cap.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata a Torino nel 1981 come Commissionaria di Borsa dai Segre, commercialisti di fiducia della famiglia De Benedetti, Intermobiliare S.p.A. è cresciuta fino alla quotazione alla Borsa di Milano, avvenuta nel 1991, e l'evoluzione da Commissionaria a Sim polifunzionale (1993) per trasformarsi poi nel 1997 in Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni (BIM). Nel 2001 fonda a Lugano Bim Suisse, nel 2002 in joint venture con Fondiaria-Sai dà vita a Bim Vita, nel 2003 acquisisce Symphonia sgr, società di gestione fondata nel 1994 a Milano da Angelo Abbondio. Nel 2006 è creata BIM Insurance Broker, partecipata al 51% e specializzata nel brokeraggio assicurativo. Nel 2008 Bim sgr e Symphonia sgr si fondono in Symphonia sgr.

Nel 2009 Veneto Banca Holding acquisisce il 40% di Banca Intermobiliare per poi assumerne il controllo nel 2011.

Nell'ottobre 2016 Maurizio Lauri viene nominato presidente e Giorgio Girelli nuovo amministratore delegato.[1]

Nell'ottobre 2017 Veneto Banca in liquidazione coatta amministrativa cede la banca ad Attestor Capital Ltd[2] attraverso Trinity Investments Designated Activity Company, società di investimento di diritto irlandese e controllata da Attestor Capital che ha sede nelle isole Cayman ed è di proprietà di Jan-Christoph Peters (per il 70%) e Anke Christina Heydenreich (30%). L'operazione è conclusa nell'aprile 2018. Cinque mesi più tardi, in settembre, è varato un aumento di capitale di 90 milioni, interamente sottoscritto da Trinity Investments Company e dal mercato.

Il 5 giugno 2019 si dimette "per motivi personali" il presidente Jurgen Dennert. Il 25 giugno subentra nell'incarico Alberto Pera, docente, avvocato, ex segretario dell'Antitrust.[3]

Sedi[modifica | modifica wikitesto]

La direzione generale è a Torino e la banca si sviluppa anche con filiali a Milano e nei principali centri economici del Paese.

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Sulla base delle evidenze aziendali e delle comunicazioni ricevute dalla Società ai sensi dell'art. 120 D.Lgs. 58/1998, alla data del 2.1.2019 un solo azionista risulta titolare di una quota partecipativa superiore al 3 % del capitale sociale: nel prospetto che segue si riporta altresì evidenza delle azioni proprie alla medesima data.

  • Trinity Investments Designated Activity Company 86,32%
  • Banca Intermobiliare di Investimenti e gestioni S.p.A 0,93%

BIM è quotata al Mercato Telematico Azionario gestito da Borsa Italiana; al 10.4.2019 il flottante è pari a circa il 13,7% del capitale sociale, che scende al 12,7% ca al netto delle azioni proprie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Banca Inteermobiliare, Giorgio Girelli nominato nuovo AD, su teleborsa.it, 19 ottobre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  2. ^ Chiar Di Cristofaro, Veneto Banca vende BIM ad Attestor, titolo a picco, su ilsole24ore.com, 25 ottobre 2017. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  3. ^ Alberto Pera nominato presidente di Banca Intermobiliare, su askanews.it, 25 giugno 2019. URL consultato il 12 ottobre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]