Ballo mascherato all'Opéra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ballo mascherato all'opéra
Edouard Manet 093.jpg
AutoreÉdouard Manet
Data1873
Tecnicaolio su tela
Dimensioni59,1×72,5 cm
UbicazioneNational Gallery of Art, Washington

Ballo mascherato all'opéra (Bal masqué à l'opéra) è un dipinto a olio su tela realizzato nella primavera del 1873 dal pittore pre-impressionista francese Édouard Manet. La tela è conservata alla National Gallery of Art di Washington.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'artista compì numerosi schizzi preparatori sul posto, quindi realizzò l'opera nel suo atelier, situato in rue d'Amsterdam, dove si era appena trasferito.

La tela è appartenuta al celebre cantante d'opera Jean-Baptiste Faure, che era un collezionista delle opere di Manet. È stata donata nel 1982 alla National Gallery dalla signora Horace Havemayer.[1]

Considerato troppo naturalistico, questo quadro fu rifiutato per l'esposizione del Salon del 1874.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questa tela richiama l'altra sua opera Musica alle Tuileries, realizzata più di dieci anni prima. Come in quel quadro, anche in questo Manet ha inserito diversi dei suoi amici, che posarono in studio per lui. Si può ad esempio riconoscere il compositore Emmanuel Chabrier e il collezionista Hecht. L'opera gioca sui contrasti tra i colori all'interno di una folla di uomini e qualche donna completamente vestiti in nero e le maschere, abbigliate in maniera stravagante. Il teatro dell'opéra che è raffigurato nella tela era situato al numero 12 di rue Le Peletier nel nono arrondissement.[2] Esso deve esser stato completamente raso al suolo da un incendio lo stesso anno in cui Manet dipinse questo quadro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NGA - Scheda sulla provenienza dell'opera Archiviato il 7 maggio 2009 in Internet Archive. «Gift of Mrs. Horace Havemeyer in memory of her mother-in-law, Louisine W. Havemeyer»
  2. ^ A volte nei libri è chiamata «l'opéra di rue Le Peletier» per distinguerla dall'Opéra Garnier, che porta il nome del suo architetto e fu inaugurata nel 1875.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Françoise Cachin, Manet, j'ai fait ce que j'ai vu, Parigi, Éditions Gallimard - Réunion des Musées nationaux, 1994, pp. 116-120, 166, ISBN 2-07-053266-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura