Badia Petroia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Badia Petroia
frazione
Badia Petroia – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Umbria-Stemma.svg Umbria
ProvinciaProvincia di Perugia-Stemma.svg Perugia
ComuneCittà di Castello-Stemma.png Città di Castello
Territorio
Coordinate43°28′00″N 12°14′00″E / 43.466667°N 12.233333°E43.466667; 12.233333 (Badia Petroia)
Altitudine299 m s.l.m.
Abitanti172 (2001 (dati Istat))
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Badia Petroia
Badia Petroia

Badia Petroia è una frazione del comune di Città di Castello (PG).

Il paese si trova lungo la strada provinciale SP104 che conduce verso Castiglion Fiorentino, passando per la frazione di Morra

Nel 2001 gli abitanti censiti secondo dati ISTAT risultavano essere 172.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia di questa frazione si collega direttamente con quella dell'abbazia benedettina di Santa Maria e Sant'Egidio (X-XII sec.) attorno alla quale si svilupperà il piccolo borgo. La costruzione di questo edificio, databile alla metà del X secolo, avvenne per volontà di Ugo dei marchesi di Colle, membro della casata che darà in seguito origine a quella dei marchesi di Monte Santa Maria[2].

Da un documento datato al 972, con il quale il conte Guido, figlio di Ugo di Colle, fa una donazione al monastero, si apprende la più antica intitolazione dell'abbazia: Sanctae Mariae de Petruvio. L'estensione dei domini del monastero si allargava fino ai distretti di Perugia e Cortona, toccando le località di Muccignano, Badia San Casciano, e le valli dei fiumi Nestore e Aggia. L'abate Magno, nel XIII secolo, siglò diversi ed importanti trattati con le città di Perugia, Cortona e Città di Castello, per motivi di ordine politico e per porsi sotto la protezione militare dei vicini più potenti. Con la fine del medioevo l'abbazia iniziò progressivamente a perdere rilevanza a livello locale, cadendo in disgrazia[3]: dopo essere stata abbandonata dai monaci, nel 1571 l'abbazia venne concessa in commenda a Pietro di Giovanni dei Fiorenzi di Perugia[4], canonico della chiesa di Santa Maria Maggiore di Città di Castello. Il regime di commenda durò fino alla metà del secolo XIX.

Nel 1781, Pio VI concesse in enfiteusi ai fratelli Tommaso e Giambattista Rossi molti beni legati all'abbazia di Petroia, in seguito riscattati in denaro. Dalla documentazione relativa a questo atto si ha la prima testimonianza dell'intitolazione dell'abbazia a sant'Egidio, che si aggiunse a quella di Santa Maria soltanto nel corso del XVIII secolo.

Monumenti e luoghi d'arte[modifica | modifica wikitesto]

Abbazia di Santa Maria e Sant'Egidio di Petroia (X secolo)[modifica | modifica wikitesto]

Abbazia dei Santi Maria ed Egidio (X secolo), veduta del cortile interno, realizzato a seguito di lavori di restauro databili ai primi anni del XV secolo.

Il complesso abbaziale fu edificato utilizzando materiali di recupero di epoca romana, e nel corso dei secoli modificato, subendo numerosi rifacimenti necessari per far fronte ai danneggiamenti provocati da ricorrenti eventi sismici.

La chiesa abbaziale aveva in origine una struttura a tre navate e tre absidi ed era disposta su tre livelli corrispondenti alla plebanìa, al coro e al presbiterio. A seguito di rifacimenti eseguiti nel secolo XV venne innalzata la facciata della chiesa odierna che andò a chiudere lo spazio un tempo destinato al coro dei monaci, dividendolo dal resto dell'edificio. La parte anteriore della navata di sinistra andò distrutta dopo il 1860-70; le parti centrali della navata di sinistra e di quella di destra sono prive di copertura; il campanile, danneggiato da un terremoto nel 1917, venne abbattuto due anni dopo e mai più ricostruito.

Formella in terracotta con decorazione zoomorfa, forse derivante dalla decorazione di un portale della primitiva chiesa monastica[5].

Malgrado le frequenti modifiche, il complesso presenta ancora oggi rari esempi di ornamentazione scultorea: il protiro del portale d'ingresso al cortile intero (ex plebania dell'originaria chiesa) è costituito da due archi sostenuti da colonnine marmoree, mentre la facciata del XV secolo è ornata all'estero da alcune formelle scolpite (46x36 cm) con soggetti figurativi ed elementi geometrici di stile longobardo, forse riferibili ad un recupero di materiale.

Sotto il piano del presbiterio si trova la cripta, (XII secolo), il cui spazio, a sala unica con tre absidi, è diviso da colonne caratterizzate da capitelli di recupero di epoca romana e tardoantica.

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Tradizionale celebrazione del Corpus Domini con processione per le vie del paese.
  • Il complesso abbaziale viene usato, saltuariamente, come location per concerti e mostre d'arte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 14° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni (2001), su dawinci.istat.it.
  2. ^ Questa famiglia fu reggente del feudo imperiale di Monte Santa Maria (1250-1815), realtà territoriale posta al confine tra Umbria e Toscana, il cui territorio attualmente coincide con quello del comune di Monte Santa Maria Tiberina in provincia di Perugia. Angelo Ascani, Monte Santa Maria e i suoi marchesi, Città di Castello, Istituto professionale di Stato per l'industria e l'artigianato, 1999.
  3. ^ Tra le ragioni della decadenza del monastero ci sarebbe anche l'interruzione dei rapporti che i marchesi Bourbon del Monte avevano con il complesso monastico, rapporti che si concretizzavano soprattutto in cospicue donazioni. Francesco Guarino - Alberto Melelli, Abbazie benedettine in Umbria, Perugia, Quattroemme, 2008, p. 63
  4. ^ Monasteri benedettini in Umbria. Alle radici del paesaggio umbro, direzione scientifica di Giustino Farnedi; repertorio dei monasteri a cura di Nadia Togni, [Perugia], Regione Umbria - Cesena, Centro storico benedettino italiano, 2014, p. 42
  5. ^ Monasteri benedettini in Umbria. Alle radici del paesaggio umbro, cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Corrado Rosini, L'Abbazia di Santa Maria e Santo Egidio di Petroja, Città di Castello, Nemo, 1959
  • Giuseppe Franchi, La vera storia del monastero di Petroia, Città di Castello, Sabbioni, 1986
  • Angelo Ascani, Monte Santa Maria e i suoi marchesi, Città di Castello, Istituto professionale di Stato per l'industria e l'artigianato, 1999
  • Simona Beccari, Silvia Palazzi, La Valle del Nestore, Badia Petroia, Città di Castello, 2006
  • Francesco Guarino - Alberto Melelli, Abbazia benedettine in Umbria, Perugia, Quattroemme, 2008
  • Monasteri benedettini in Umbria. Alle radici del paesaggio umbro, direzione scientifica di Giustino Farnedi; repertorio dei monasteri a cura di Nadia Togni, [Perugia], Regione Umbria - Cesena, Centro storico benedettino italiano, 2014
  • Francesco Grilli, Badia Petroia nella sua arte, nella sua storia, Città di Castello, Sabbioni, 2017

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241905489