Azim Premji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Azim Premji - World Economic Forum Davos 2009

Azim Hashim Premji (Mumbai, 24 luglio 1945) è un imprenditore indiano, fondatore e presidente della Wipro.[1] È informalmente conosciuto come lo zar dell'industria IT indiana[2][3] ed è stato responsabile della guida di Wipro per quattro decenni diversificando l'attività dai saponi al software[4][5].[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Azim è figlio di un imprenditore indiano del settore alimentare. Studiò alla Stanford University e qui conseguì la laurea di primo livello; nel 1966 il padre perse improvvisamente la vita, ed Azim, lasciata Stanford, si ritrovò a guidare l'azienda di famiglia all'età di 21 anni. Il business del padre era un'azienda attiva nel settore della idrogenazione di alcuni cibi e nella produzione di oli vegetali; sarà Azim Premji ad espandere in seguito le attività dell'azienda nel settore delle tecnologie e del R&S.

Patrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la classifica annuale di Forbes, Azim Premji è stato al primo posto della classifica degli uomini più ricchi dell'India ininterrottamente dal 1999 al 2005. È stato poi superato da Lakshmi Mittal, che però risiede in Inghilterra; pertanto Premji venne considerato il più ricco indiano residente in patria.

Nel 2007 la celebre rivista ha valutato il suo patrimonio in 17,1 miliardi di dollari USA. Tra i connazionali è stato scavalcato anche da Mukesh e Anil Ambani, tuttavia rimane il 21º uomo più ricco del mondo.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con Yasmeen Premji e ha 2 figli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Wipro's Azim Premji to hand over baton to son Rishad Premji, in The Hindu, 6 giugno 2019. URL consultato il 30 settembre 2020.
  2. ^ (EN) Bhupathi Reddy, Top 10 Entrepreneurs of India, in EntrepreneurSolutions.com, 30 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2016).
  3. ^ (EN) Srikar Muthyala, The List of Great Entrepreneurs of India in 2015, in MyBTechLife, 29 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2016).
  4. ^ (EN) Azim Premji Profile, su Forbes.com.. URL consultato il settembre 2010.
  5. ^ (EN) The World's Billionaires, in Forbes, 3 marzo 2009. URL consultato il 16 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2009).
  6. ^ (EN) Azim Premji, chairman of Wipro, su theguardian.com. URL consultato il 21 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29233913 · ISNI (EN0000 0003 7418 217X · LCCN (ENno2003128963 · GND (DE129584312 · WorldCat Identities (ENlccn-no2003128963