August and Everything After

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
August and Everything After
Artista Counting Crows
Tipo album Studio
Pubblicazione 14 settembre 1993
Durata 51 min : 42 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Alternative rock
Etichetta Geffen Records
Produttore T Bone Burnett
Registrazione Los Angeles
Certificazioni
Dischi di platino Stati Uniti Stati Uniti (7)[1]
(Vendite: 7.000.000+)
Counting Crows - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1996)

August and Everything After è il primo album della band californiana Counting Crows, pubblicato il 14 settembre 1993 dalla Geffen Records. È stato certificato sette volte disco di platino negli Stati Uniti per aver venduto oltre 7 milioni di copie. L'album si pose all'interno della scena musicale dell'epoca come alternativa al sound più aggressivo del Grunge, trattando di temi quotidiani e malinconici accompagnati da chitarre meno distorte e ritmi più lenti. Il disco deve parte del suo successo al singolo Mr. Jones, ispirato al padre di un amico d'infanzia di Adam Duritz, cantante della band. Nel 2007 è stato ripubblicato con l'aggiunta di inediti, demo e un secondo CD contenente un concerto del 1994 a Parigi.

È considerato tra i migliori album alternative rock degli anni novanta.[2]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Round Here - 5:32
  2. Omaha - 3:39
  3. Mr. Jones - 4:35
  4. Perfect Blue Buildings - 5:01
  5. Anna Begins - 4:31
  6. Time & Time Again - 5:15
  7. Rain King - 4:16
  8. Sullivan Street - 4:30
  9. Ghost Train - 4:03
  10. Raining in Baltimore - 4:42
  11. A Murder of One - 5:44

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 16 novembre 2013.
  2. ^ Counting Crows - biografia, ondarock.it.
  1. ^ a b c d Counting Crows - biografia, recensioni, discografia, foto: OndaRock

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock