Associazione dei vecchi bolscevichi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michail Ol'minskij e Emel'jan Jaroslavskij furono i presidenti dell'Associazione dei vecchi bolscevichi, rispettivamente dal 1922 al 1931 e dal 1931 al 1935

L'Associazione dei vecchi bolscevichi (in russo: Общество старых большевиков?, traslitterato: Obščestvo starych bol'ševikov) fu un'organizzazione attiva in Unione Sovietica tra il 1922 e il 1935. Riuniva i membri del Partito bolscevico con la più lunga militanza nel movimento nell'epoca precedente alla Rivoluzione d'ottobre. Scopi principali dell'associazione erano l'educazione dei giovani secondo le tradizioni rivoluzionarie e la raccolta di materiali storico-rivoluzionari. Tra il 1922 e il 1931 a capo dei Vecchi bolscevichi vi fu un ufficio presieduto da Michail Ol'minskij. Nel 1931 la I Conferenza dell'associazione istituì un Consiglio centrale guidato da un Presidium, mentre alla presidenza fu eletto Emel'jan Jaroslavskij. I membri dell'Associazione dei vecchi bolscevichi, di cui fecero parte tra gli altri Avel' Enukidze, Fridrich Lengnik, Pantelejomon Lepešinskij, Martyn Ljadov, Viktor Nogin, Fëdor Samojlov, Sof'ja Smidovič e Aleksandr Stopani, erano 64 nel 1922 e oltre duemila nel gennaio 1934. L'organizzazione operò anche a livello territoriale tramite filiali e curò la pubblicazione Il vecchio bolscevico, uscito tra il 1930 e il 1934.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) Obščestvo starych bol'ševikov [Associazione dei vecchi bolscevichi], in A. M. Prochorov (a cura di), Bol'šaja Sovetskaja Ėnciklopedija, vol. 18, 3ª ed., Mosca, Sovetskaja Ėnciklopedija, 1974, p. 254.