Asfalteni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Possibile struttura di una molecola asfaltenica

Gli asfalteni sono una classe di composti ad elevato peso molecolare contenuti nel petrolio grezzo. Costituiscono dal 5% al 25% in peso del bitume residuo della raffinazione. Sono solidi a temperatura ambiente con aspetto granulare e color bruno-nero.

Vengono separati per trattamento del bitume con n-eptano, dove sono insolubili, e successiva solubilizzazione in benzene o tetracloruro di carbonio, dove sono solubili.

Sono miscele complesse di idrocarburi costituite principalmente da composti aromatici condensati e composti eterociclici contenenti zolfo e azoto, in cui si riscontra anche la presenza di ossigeno, azoto, zolfo e metalli (V, Ni ecc.)[1].

I pesi molecolari risultano in genere molto superiori a 2000 dalton, fino ad arrivare a valori dell'ordine delle centinaia di migliaia[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Asphaltene
  2. ^ "Il bitume e i suoi derivati" - Prof. G. Siracusa, D. Motta, S. Petralia, Università degli Studi di Catania, 2008

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia