Arthropterygius chrisorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Arthropterygius
Stato di conservazione: Fossile
Immagine di Arthropterygius chrisorum mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Ichthyosauria
Famiglia Ophthalmosauridae
Genere Arthropterygius
Specie A. chrisorum

L'artrotterigio (Arthropterygius chrisorum) è un rettile marino estinto, appartenente agli ittiosauri. Visse nel Giurassico superiore (Oxfordiano - Kimmeridgiano, circa 160 - 150 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Canada.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo animale possedeva un corpo simile a quello dei tonni, compatto e idrodinamico; la pinna caudale era molto sviluppata, mentre le zampe, trasformate in strumenti simili a pagaie, erano piuttosto corte e arrotondate, al contrario di quelle di altri ittiosauri. Il cranio era lungo e sottile, dotato di piccoli denti e di orbite gigantesche. In generale, l'aspetto di questo animale assomigliava molto a quello di un altro ittiosauro del Giurassico, Ophthalmosaurus. Al contrario di quest'ultimo, però, possedeva un'articolazione fortemente angolata tra il radio, l'ulna e l'omero; era inoltre presente un forame per l'arteria carotide interna (una grande arteria che porta sangue al cervello) sulla superficie posteriore del basisfenoide.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

I fossili di questo animale vennero scoperti nell'isola di Melville (Territori del Nordovest, Canada), e sono tuttora i più completi di un ittiosauro proveniente dall'Artico canadese. I fossili, risalenti al Giurassico superiore, vennero descritti nel 1993 e inizialmente attribuiti al genere già noto Ophthalmosaurus, seppur in una nuova specie (O. chrisorum). Una ridescrizione del materiale avvenuta nel 2010 ha stabilito che le differenze tra questa specie e le altre attribuite a Ophthalmosaurus erano sufficienti per stabilire l'esistenza di un nuovo genere, Arthropterygius. Lo studio mise in luce analogie con un altro ittiosauro giurassico, Caypullisaurus dell'Argentina, considerato il suo sister taxon. Altre ricerche più recenti, tuttavia, hanno indicato Arthropterygius come il più basale fra gli oftalmosauridi, un gruppo di ittiosauri specializzati, tipici del Giurassico e del Cretaceo (Fischer et al., 2011; Fischer et al., 2012).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maxwell, E.E. (2010). "Generic reassignment of an ichthyosaur from the Queen Elizabeth Islands, Northwest Territories, Canada". Journal of Vertebrate Paleontology 30 (2): 403–415. doi:10.1080/02724631003617944.
  • Fischer, Valentin; Edwige Masure, Maxim S. Arkhangelsky and Pascal Godefroit (2011). "A new Barremian (Early Cretaceous) ichthyosaur from western Russia". Journal of Vertebrate Paleontology 31 (5): 1010–1025. doi:10.1080/02724634.2011.595464.
  • Valentin Fischer, Michael W. Maisch, Darren Naish, Ralf Kosma, Jeff Liston, Ulrich Joger, Fritz J. Krüger, Judith Pardo Pérez, Jessica Tainsh and Robert M. Appleby (2012). "New Ophthalmosaurid Ichthyosaurs from the European Lower Cretaceous Demonstrate Extensive Ichthyosaur Survival across the Jurassic–Cretaceous Boundary". PLoS ONE 7 (1): e29234. doi:10.1371/journal.pone.0029234.