Archosaurus rossicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Archosaurus
Archosaurus ross1DB.jpg
Ricostruzione della testa di Archosaurus rossicus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Sottoclasse Sauropsida
Infraclasse Archosauromorpha
Famiglia Proterosuchidae
Genere Archosaurus
Specie A. rossicus

L'arcosauro (Archosaurus rossicus) è un rettile estinto, appartenente agli arcosauriformi. Visse nel Permiano superiore (circa 260 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Russia e in Polonia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale è noto solo per resti molto incompleti, che includono un cranio parziale; questi fossili hanno comunque permesso di ipotizzare l'aspetto dell'animale, grazie al raffronto con fossili di animali simili più noti, come Proterosuchus. Si suppone che Archosaurus fosse un rettile quadrupede dall'andatura simile a quella di un coccodrillo, dal cranio relativamente basso e dotato di un profilo arcuato nella regione del muso, dovuto alla premascella ricurva all'ingiù.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Archosaurus è classicamente noto come il più antico arcosauro; in realtà attualmente non è considerato un vero e proprio arcosauro, bensì una forma più basale. In ogni caso questo animale è la più importante evidenza di arcosauriformi primitivi in strati del Permiano superiore. Archosaurus è considerato il più antico e primitivo tra i proterosuchidi, un gruppo di rettili simili a coccodrilli dalla caratteristica mascella incurvata, attualmente considerati un gruppo parafiletico, ovvero una serie di forme via via più evolute verso arcosauriformi più derivati.

Cranio di Archosaurus rossicus

Descritti per la prima volta nel 1960, i resti di Archosaurus provengono dalla Russia europea; successivamente altri resti attribuiti con qualche dubbio al genere Archosaurus sono stati ritrovati in Polonia e ancora in Russia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tatarinov, L. P., 1960, Otkrytie pseudozhukhii v verkhnei permi SSSR: Paleontologischeskii Zhurnal, 1960, n. 4, p. 74-80.
  • D. J. Gower and A. G. Sennikov. 2000. Early Archosaurs from Russia. In M. J. Benton, M. A. Shishkin, D. M. Unwin & E. N. Kurochkin (eds.), The Age of Dinosaurs in Russia and Mongolia. Cambridge University Press, Cambridge 140-159
  • A. G. Sennikov and V. K. Golubev. 2006. Vyazniki Biotic Assemblage of the Terminal Permian. Paleontological Journal 40(suppl. 4):S475-S481

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]